EuroLeague e ELPA annunciano la nascita di EFA, il primo accordo collettivo

EuroLeague e ELPA annunciano la nascita di EFA, il primo accordo collettivo

Il primo patto per il basket europeo crea un quadro chiaro e unico per il futuro

Euroleague Basketball e ELPA hanno annunciato sabato la firma di uno storico accordo collettivo che rafforza l’impegno tra lega, club e giocatori per un quadro di cooperazione chiaro, unico e sicuro tra tutte le parti.

L’accordo quadro di EuroLeague (EFA), il primo del suo genere nel basket paneuropeo e negli sport di squadra in generale, durerà fino alla fine della stagione 2023-24. Entrambe le parti si sono unite in questo storico passo in avanti per dare impulso alla crescita della Turkish Airlines EuroLeague e rafforzare il ruolo dei giocatori come principali protagonisti e partner commerciali nella competizione.

I negoziati sull’accordo sono iniziati poco dopo la costituzione di ELPA nel 2018 e si sono concentrati sul fornire a entrambe le parti una relazione condivisa e stabile per il futuro. Tra i molti miglioramenti nelle loro condizioni di lavoro, ai giocatori verrà assicurata una retribuzione minima in base alla durata del loro servizio in EuroLeague, garanzie sul pagamento degli stipendi e cooperazione in diverse aree come il calendario della stagione, i protocolli di salute e sicurezza, i test antidoping e le regole del gioco .

Sulla scia della pandemia mondiale che ha visto i tifosi forzatamente lontani dalle arene, ora è in corso un sistema preciso che fornirà protezione a entrambe le parti nel caso in cui in futuro i club siano colpiti finanziariamente da situazioni di forza maggiore.

Meccanismi di risoluzione delle controversie, diritti d’immagine e commerciali regolamentati, limiti sulla durata del campo di ritiri di preparazione e allenamenti, giorni di riposo mensili e miglioramenti dei servizi medici sono tra le altre caratteristiche dell’accordo. Inoltre, Euroleague Basketball effettuerà incontri squadra per squadra con i giocatori per presentare regole e linee guida prima di ogni nuova stagione e per discutere eventuali questioni aperte. Le parti hanno concordato un contratto standard che servirà a regolare il rapporto club-giocatore in tutta la lega.

L’EFA, che è uno standard minimo obbligatorio per tutti i club e i giocatori di EuroLeague partecipanti, opererà non entrando in contraddizione con le leggi e i regolamenti obbligatori all’interno dei paesi di appartenenza dei club.

“Dopo aver parlato con ELPA costantemente negli ultimi anni, la conferma di questo accordo oggi rende chiaro a tutti che i nostri club e giocatori sono ora partner più forti che mai nella crescita di questo sport”, le parole di Jordi Bertomeu, presidente di Euroleague Basketball e CEO. “È fondamentale notare che quando lega, club giocatori sanno di poter contare sulle altre componenti, anno dopo anno, tutti possono concentrarsi molto meglio su quello che è l’obiettivo primario, ovvero offrire ai tifosi uno degli spettacoli sportivi più drammatici del pianeta”.

“Dopo aver parlato con ELPA costantemente negli ultimi anni, la conferma di questo accordo oggi rende chiaro a tutti che i nostri club e giocatori sono ora partner più forti che mai nella crescita di questo sport che tutti amiamo”, Jordi Bertomeu, Presidente e CEO di Euroleague Basketball , dichiarato. “È fondamentale notare che quando la lega, i club e i giocatori sanno su cosa possono contare l’uno sull’altro, anno dopo anno, tutti noi possiamo concentrarci molto meglio sul nostro obiettivo comune primario, che è quello di offrire ai nostri tifosi uno degli spettacoli sportivi più appassionanti del pianeta”.

“Sin dalla fondazione dell’ELPA, la nostra priorità era raggiungere un accordo collettivo, che standardizzasse le relazioni tra giocatori e club in tutta l’EuroLeague”, ha affermato Bostjan Nachbar, amministratore delegato dell’ELPA. “Questo è stato un processo lungo e impegnativo che ha richiesto tempo e impegno da entrambe le parti. Molti dei nostri membri, in particolare il consiglio dei giocatori, hanno dedicato disinteressatamente il loro tempo al miglioramento delle condizioni di lavoro per tutti i giocatori attuali e futuri di EuroLeague. Credo che ora abbiamo una solida base per lavorare su ulteriori miglioramenti in futuro, mentre allo stesso tempo i giocatori avranno l’opportunità di vedere crescere le loro carriere insieme all’ulteriore sviluppo del campionato stesso”.

Commenta