Rumors NBA

Scegli una data

NBA, giocatori dovranno viaggiare da soli se non negativi al COVID prima della partenza per Orlando

I giocatori NBA saranno costretti a viaggiare autonomamente alla volta di Orlando se non supereranno i test per il Coronavirus previsti nelle prossime ore, prima della partenza programmata delle franchigie alla volta della Florida.

È quanto riportato in un memo della lega diffuso da ESPN. Se un giocatore andrà a Orlando in auto o in volo privato, dovrà superare due test negativi prima di potersi allenare in squadra; in caso di volo commerciale i test dovranno essere tre.

Fonte: ESPN.

NBA, a Orlando le squadre giocheranno amichevoli infra-conference

Le squadre NBA presenti a Orlando giocheranno amichevoli contro avversarie della conference opposta o contro squadre della stessa conference che improbabilmente saranno rivali al primo turno playoff.

A riportarlo è Adrian Wojnarowski di ESPN. L’arrivo delle squadre a Orlando è previsto per la prossima settimana, con la ripresa della stagione in programma per il 30 luglio.

Fonte: Adrian Wojnarowski.

NBA e NBPA, accordo su una lista di messaggi sociali da poter mettere nelle maglie da gioco

NBA e NBPA hanno trovato l’accordo per una lista di messaggi sociali che i giocatori potranno scegliere di mettere nel retro delle loro maglie alla ripresa della stagione. Si potranno inserire uno o due messaggi di questa lista pre-approvata, e la scelta sarà lasciata interamente ai giocatori.

I messaggi approvati sono i seguenti, secondo quanto riportato da Marc Spears di The Undefeated: Black Lives Matter; Say Their Names; Vote; I Can’t Breathe; Justice; Peace; Equality; Freedom; Enough; Power to the People; Justice Now; Say Her Name; Sí Se Puede (Yes We Can); Liberation; See Us; Hear Us; Respect Us; Love Us; Listen; Listen to Us; Stand Up; Ally; Anti-Racist; I Am A Man; Speak Up; How Many More; Group Economics; Education Reform; and Mentor.

Fonte: Marc J Spears.

Lakers, l’assistant coach Lionel Hollins non sarà a Orlando

Lionel Hollins, assistant coach dei Los Angeles Lakers, non sarà con la squadra a Orlando per la ripresa della stagione, come riportato da Chris Haynes di Yahoo Sports.

Hollins, 66 anni, era considerato tra le persone maggiormente a rischio in caso di contagio anche se non per l’età, secondo Haynes. Hollins è dispiaciuto per non poter unirsi alla squadra ma comprende la decisione presa.

Fonte: Chris Haynes.

Victor Oladipo decide di non giocare ad Orlando con i Pacers

Aggiornamento: Oladipo parteciperà comunque alla trasferta di Orlando pur avendo deciso di non giocare.

Victor Oladipo ha rivelato a The Athletic la sua decisione di rinunciare alla ripresa della stagione a Orlando.

“Ho tanta voglia di giocare, quindi come persona competitiva e come compagno di squadra questa decisione mi distrugge. Credo di essere a buon punto con la riabilitazione, ma considerando tutte le variabili, dal rischio di subire una ricaduta allo scenario non chiarissimo della bolla, non sarei a mio agio nel tornare a giocare. Questa decisione non è stata facile, ma credo che sia la decisione giusta quella di prepararmi al meglio per la stagione 2020-21,” spiega la stella dei Pacers.

Fonte: The Athletic.

Gordon Hayward lascerà la “bolla” a settembre per assistere alla nascita del figlio

Gordon Hayward ha detto che, se i Celtics in quel momento saranno ancora in gioco, lascerà la “bolla” di Disney World durante la stagione per assistere alla nascita del suo quarto figlio. La moglie di Hayward, Robyn, dovrebbe partorire a settembre quando a Orlando i playoff saranno ormai entrati nel vivo con le semifinali e le finali di conference.

“Se io e la squadra saremo ancora lì e lei sarà sul punto di avere il bambino, io andrò sicuramente da lei,” ha detto il giocatore dei Celtics.

Secondo il protocollo istituito dalla NBA, Hayward dovrebbe osservare un minimo di 10 giorni di quarantena una volta rientrato nella “bolla”.

Fonte: ESPN.

Clippers, Rivers: “Penso che Lou Williams sarà con noi a Orlando”

Il coach dei Clippers Doc Rivers ha affermato di attendersi la presenza di Lou Williams in campo alla ripresa della stagione NBA a Orlando. Williams si era detto in dubbio perché non voleva che il basket distraesse dalle proteste del movimento Black Lives Matter.

“Tutto ci indica che lui sarà in campo e giocherà. Finché non saremo sull’aereo tutto può succedere, ovviamente. Ma mi aspetto che sarà con noi, sarei molto sorpreso del contrario”, ha detto Rivers.

Brooklyn, è Jacque Vaughn il favorito per la panchina del prossimo anno?

Secondo quanto riportato da Adrian Wojnarowski di ESPN, Jacque Vaughn potrebbe essere il favorito per allenare i Brooklyn Nets nella prossima stagione.

L’ex coach dei Magic è stato nominato ad interim per sostituire Kenny Atkinson, esonerato a marzo prima della sospensione della stagione. I Nets saranno in campo a Orlando, pure con una compagine decisamente rimaneggiata per le assenze di Kyrie Irving, DeAndre Jordan e la probabile mancanza anche di Spencer Dinwiddie.

Fonte: Adrian Wojnarowski.

NBA spenderà più di 150 milioni di dollari per la “bolla” di Orlando

La conclusione della stagione nel campus di Walt Disney World in Florida costerà alla NBA più di 150 milioni di dollari, scrive Brian Windhorst di ESPN.

Nel calcolo è inclusa la spesa per l’alloggio delle 22 squadre e dei relativi staff di supporto, dei sette campi di allenamento e dell’allestimento delle tre arene di gioco. Nel calcolo la NBA non include la perdita derivante dai mancati ricavi da ticketing, che si stima possa superare il miliardo di dollari.

Fonte: Brian Windhorst.

Sacramento e De’Aaron Fox in trattativa per il rinnovo del contratto

I Sacramento Kings e De’Aaron Fox hanno già avuto discussioni e trattative per l’estensione del contratto della giovane guardia ex Kentucky, secondo quanto riportato da James Ham di NBC Sports.

Sacramento può ancora utilizzare le sue due estensioni da “designated player” che permettono di offrire una quinta stagione. Fox sarà eleggibile per l’estensione in offseason a ottobre.

Fonte: James Ham.

Trail Blazers, firmato Jaylen Adams

I Portland Trail Blazers hanno ufficializzato l’accordo siglato con Jaylen Adams, che prenderà il posto di Trevor Ariza per il finale di stagione.

Quest’anno Adams, secondo nella corsa al titolo di MVP della G League, ha viaggiato con oltre 21 punti e 5 assist a partita per i Wisconsin Herd.

 

Dallas annuncia l’ingaggio di Trey Burke

I Dallas Mavs hanno ufficializzato il ritorno in Texas di Trey Burke.
Il playmaker da Michigan prenderà il posto di Willie Cauley-Stein, che ha deciso di non partecipare al finale di stagione.
Burke giocò agli ordini di Carlisle il finale della stagione 2018/19, con medie di 9.7 punti e 2.6 assist in 25 partite.

Lakers, ufficiale l’accordo con J.R. Smith

J.R. Smith ha firmato l’accordo che lo legherà ai Los Angeles Lakers per il finale di stagione nella Bolla di Orlando.

L’esterno non era sceso in campo quest’anno prima della sospensione.

In 15 stagioni nella lega Smith ha fatto registrare medie di 12.5 punti e 2.1 assist, con il 37% dalla lunga distanza su oltre 5.000 triple tentate.

76ers senza Zhaire Smith ad Orlando

I Philadelphia 76ers saranno senza Zhaire Smith ad Orlando.
Il giocatore ha un problema al ginocchio e non potrà partecipare alla ripresa della NBA.
Smith ha iniziato ad avere problemi prima che i 76ers riprendessero gli allenamenti la settimana scorsa.

Dwight Howard ancora indeciso su Orlando, i Lakers provano a convincerlo

I Los Angeles Lakers sperano di avere Dwight Howard per la bolla di Orlando ma il centro non ha ancora deciso nonostante la deadline fosse il 24 giugno.
Rob Pelinka ha detto di avere avuto una chiacchierata con Howard su Zoom per cercare di risolvere i dubbi che il centro ha sul tornare in campo.

Oggi i Nets finiscono di pagare il contratto di Deron Williams

Oggi giornata importante per i Brooklyn Nets che dopo cinque anni finiscono di pagare il contratto di Deron Williams.
Il contratto della point guard fu “stretchato” un lustro fa e fino ad oggi Williams ha guadagnato 5.5 milioni di dollari annui dai Nets.

Williams non gioca in NBA dal 2016-2017 quando vestì le maglie di Mavericks e Cavaliers.

 

I Nuggets chiudono il centro allenamenti per il Coronavirus

I Denver Nuggets hanno chiuso, sabato scorso, il proprio centro allenamenti dopo la positività al Coronavirus di alcuni membri della delegazione che è previsto viaggi alla volta di Orlando, secondo quanto riportato da Adrian Wojnarowski di ESPN.

Il centro potrebbe riaprire entro la fine della settimana, se i risultati dei prossimi giorni di test daranno indicazioni positive in tal senso.

Washington, il GM Sheppard sostiene la decisione di Bertans di saltare la fine della stagione

In un’intervista con Fred Katz di The Athletic, il GM dei Washington Wizards Tommy Sheppard ha ribadito il suo sostegno alla decisione di Davis Bertans di saltare la fase finale della stagione a Orlando per evitare il rischio di infortuni. 

“Sosteniamo la sua scelta. Sappiamo quanto Davis sia importante per il futuro di questa squadra”, ha detto Sheppard. Bertans sarà free agent a fine stagione dopo un’annata da 15.4 punti a partita, il suo career high.

Fonte: Fred Katz.

NBA 2K21: in copertina ci sarà Damian Lillard

Sarà Damian Lillard dei Portland Trail Blazers il volto sulla copertina di NBA 2K21: a confermarlo è stato lo stesso giocatore a Shams Charania di The Athletic.

I Portland Trail Blazers al dunque con Jaylen Adams

I Portland Trail Blazers al dunque con Jaylen Adams .

La guardia, reduce da una grande stagione con Wisconsin in G-League, sostituirà Trevor Ariza a Orlando.

Lakers alle firme con JR Smith

I Lakers sono alle firme con JR Smith.
La guardia sarà aggiunta al roster per la bolla di Orlando.
Smith prenderà il posto di Avery Bradley che ha rinunciato causa problemi familiari.

Dallas, Courtney Lee potrebbe essere a Orlando nonostante l’infortunio

Nonostante un infortunio al polpaccio che lo terrà fuori sino alla fine della stagione, Courtney Lee vuole far parte della delegazione dei Dallas Mavericks che sarà presente a Orlando per la conclusione della stagione NBA, come riporta Marc Stein del New York Times.

Lee, 4.5 punti di media in stagione per i Mavs, è emerso come una delle figure di riferimento nello spogliatoio in questa stagione.

Fonte: Marc Stein.

I giocatori NBA potranno sostituire il nome sulla maglia con un messaggio di giustizia sociale

La NBA, la NBPA e Nike starebbero lavorando a un piano per consentire ai giocatori di sostituire il nome sulla maglia con un messaggio per la giustizia sociale, secondo quanto riportato da Shams Charania di The Athletic.

La lega aveva preannunciato il lancio di iniziative per sostenere le tematiche sociali alla ripartenza della stagione NBA.

Fonte: Shams Charania.

NBA, le otto squadre non a Orlando interessate a giocare partite in una sede secondaria

La NBA e la NBPA stanno tenendo discussioni sulla possibilità di creare un secondo campus per far disputare delle partite alle otto squadre non coinvolte nella ripartenza della stagione a Orlando: Charlotte Hornets, Chicago Bulls, New York Knicks, Atlanta Hawks, Minnesota Timberwolves, Cleveland Cavaliers e Golden State Warriors.

Secondo Sam Amick di The Athletic vi sarebbe un sostegno crescente all’idea, con Cleveland, Detroit e Atlanta le proponenti più motivate. Le partite potrebbero giocarsi in una di quelle otto città o in una sede neutrale come Las Vegas o Houston.

Fonte: Sam Amick.

76ers, ufficiale l’ingaggio di Ryan Broekhoff

I Philadelphia 76ers hanno annunciato l’ingaggio di Ryan Broekhoff.
L’esterno australiano, che aveva attirato l’attenzione di diverse big europee, era stato tagliato da Dallas per far posto a Michael Kidd-Gilchrist.
Per lui quest’anno medie di 4.2 punti e 2.5 rimbalzi in 17 partite, tirando con il 39% dalla lunga distanza.

NBA, diversi team interessati a Justin Anderson

Secondo Ian Begley, ci sarebbero diversi team NBA che stanno pensando di mettere sotto contratto Justin Anderson per la fase finale della stagione.
Il giocatore, apprezzato per le sue doti difensive, quest’anno ha disputato appena 3 partite per i Nets, ma ben 31 in G League tra Raptors 905 e Long Island Nets.

Le sue medie: 20.6 punti, 6.7 rimbalzi, 2.6 assist e un recupero, il 47% dal campo, il 35% da tre ed il 75% ai liberi.

Fonte: Ian Begley.

Nuggets, in arrivo Tyler Cook

Secondo Nick Kosmider, i Denver Nuggets hanno intenzione di firmare Tyler Cook.

Il big man firmerà un two-way contract per sostituire Dozier, che a sua volta inchiostrerà un contratto NBA standard.

Cook era già stato brevemente un two-way player di Denver la scorsa estate, ma venne tagliato e subito firmato dai Cavs.

In 29 partite di G League l’ex Iowa ha messo insieme medie di 12.8 punti e 5.6 rimbalzi.