Rumors NBA

Scegli una data

Celtics: ufficiali i nuovi contratti di Tacko Fall e Max Strus

I Boston Celtics hanno ufficializzato le trasformazioni dei contratti di Tacko Fall e Max Strus.

Il two-way contract di Strus è stato convertito in un contratto parzialmente garantito della durata di due anni. Ora Strus probabilmente si contenderà il 15° posto nel roster con l’ex Trieste Javonte Green.

Convertendo il contratto di Strus, i Celtics hanno liberato un posto per two-way contract rendendo possibile la trasformazione dell’Exhibit 10 di Tacko Fall.

Fonte: Boston Celtics.

Celtics: convertito l’Exhibit 10 di Tacko Fall in un two-way contract

I Boston Celtics hanno deciso di esercitare l’opzione di conversione dell’Exhibit 10 di Tacko Fall rendendolo un two-way contract, secondo quanto riportato da Adrian Wojnarowski di ESPN.

Fall ha convinto lo staff dei Celtics durante questa preseason e ora non solo avrà la possibilità di sviluppare il suo gioco in G League ma potrà anche trascorrere un massimo 45 giorni in NBA.

Clippers, si allungano i tempi di recupero di Paul George

Si allungano i tempi di recupero di Paul George. La nuova stella dei Los Angeles Clippers salterà almeno le prime dieci gare di stagione.
Il suo rientro non è previsto prima del 13 novembre.

Celtics, biennale in arrivo per Max Strus

I Boston Celtics firmeranno Max Strus con un biennale.
Il giocatore avrà il contratto parzialmente garantito questa stagione a poco meno della metà del rookie minimum.

Sacramento Kings: Buddy Hield disposto ad accettare meno del max per estendere il suo contratto

Secondo The Athletic, Buddy Hield sarebbe disposto ad estendere il suo contratto con i Sacramento Kings per meno del massimo salariale.

Il giocatore però non vorrebbe ricevere un’offerta così bassa da risultare ‘offensiva’.

Le parti hanno tempo fino al 21 Ottobre per trovare un accordo.

A quanto pare l’ex Oklahoma è molto ben visto nello spogliatoio, tanto che sia coach Walton che De’Aaron Fox hanno dichiarato di sperare in un accordo che garantisca la permanenza della guardia a Sacramento.

Hield nella scorsa stagione ha messo insieme medie di 20.7 punti, 5 rimbalzi e 2.5 assist, tirando con un notevole 43% da tre su circa 8 tentativi a partita.

Fonte: The Athletic.

Boston ha provato ad imbastire una trade con Nets e Hornets per poter trattenere Horford

Il Boston Herald, citando fonti NBA, rivela che nella scorsa offseason i Boston Celtics hanno cercato di imbastire una trade con Brooklyn e Charlotte. In pratica sarebbe stata una tripla sign and trade, con Walker a Boston, Irving a Brooklyn e Rozier a Charlotte. Così facendo, Boston avrebbe potuto provare a confermare Al Horford.
L’affare però non sarebbe arrivato al capolinea proprio per ‘colpa’ del big man, che avrebbe preferito mantenere la parola data ai 76ers.
In ogni caso Boston avrebbe dovuto cedere altri asset a Brooklyn, dato che il team poteva tranquillamente firmare Irving senza bisogno di aiuto, come poi si è verificato.

Fonte: Boston Herald.

Gli Utah Jazz firmano Kyle Collinsworth e tagliano Trevon Bluiett

Gli Utah Jazz hanno annunciato l’accordo siglato con Kyle Coolinsworth. A fargli spazio sarà Trevon Bluiett.

La versatile guardia da BYU viene da un’annata con i Raptors 905, in G League, dove ha fatto registrare medie di 10.5 punti, 7.5 rimbalzi, 3.7 assist e 1.8 recuperi.

Celtics, Jaylen Brown assume l’agente di Al Horford per il rinnovo del contratto

Jaylen Brown ha assunto un agente per negoziare il rinnovo del contratto con i Boston Celtics, secondo quanto riportato da Adam Himmelsbach del Boston Globe.

L’agente scelto da Brown, che finora si era rappresentato da solo nel corso della sua carriera NBA, è Jason Glushon, già agente dell’ex compagno Al Horford. Brown e i Celtics hanno tempo fino al 21 ottobre per trovare un accordo sul prolungamento.

Fonte: Boston Globe.

China-gate | Possibile perdita economica da 25 milioni di dollari per i Houston Rockets

Possibile perdita di 25 milioni di dollari per i Houston Rockets come diretta conseguenza dei boicottaggi in Cina conseguenti al tweet pro-Hong Kong del GM Daryl Morey, secondo quanto riportato da Marc Stein del New York Times.

Incerta invece la situazione dei giocatori sotto contratto con aziende cinesi come Anta, Peak e Li-Ning: secondo Stein l’ammontare di questi contratti è tra i 2 e i 10 milioni di dollari annui.

Fonte: Marc Stein.

I Detroit Pistons interessati a Frank Ntilikina?

Secondo Vince Ellis, i Detroit Pistons sarebbero interessati a Frank Ntilikina, playmaker che si appresta ad iniziare la sua terza stagione in NBA con i New York Knicks.

Ntilikina ha una player option da poco più di 6 milioni nel suo contratto da rookie, i Knicks hanno tempo fino al 31 Ottobre per esercitarla. In caso contrario il playmaker diventerà Free Agent a fine stagione.

Fonte: Vince Ellis.

Andre Iguodala, favorite le due di L.A. in caso di buy-out dai Grizzlies

Durante un podcast, Adrian Wojnarowski ha fatto il punto sulla situazione di Andre Iguodala. Il giocatore non avrebbe problemi a rimanere fuori la prima parte di stagione, mentre Memphis continuerà a cercare di cederlo. Il reporter di Espn aggiunge che, in caso di Buy-out, Iguodala avrebbe come principali opzioni le due squadre di Los Angeles, i Clippers ed i Lakers.

Fonte: Espn.

Hornets-McDaniels: l’accordo è per un Exhibit 10

Emergono i dettagli dell’accordo fra gli Charlotte Hornets e la loro scelta del secondo giro Jalen McDaniels.

Secondo quanto riportato da John Hollinger di The Athletic, il rookie avrebbe firmato un contratto con Exhibit 10, ossia un annuale non garantito che prevede l’opzione di conversione in un two-way contract.

L’Exhibit 10 prevede anche un bonus di massimo $50.000 se il giocatore, in caso di taglio, trascorrerà 60 giorni in G League con la franchigia affiliata. Tuttavia, in questo caso gli Hornets perderebbero i suoi diritti NBA tagliandolo.

Fonte: The Athletic.

Kings: tagliati Eric Mika e Isaiah Pineiro, arriva Hollis Thompson

I Sacramento Kings hanno ufficialmente annunciato di aver tagliato il nazionale portoricano Isaiah Pineiro e il centro ex Pesaro e Brescia Eric Mika. Entrambi avevano firmato un contratto Exhibit 10 e probabilmente inizieranno la stagione in G League.

Intanto, Jason Jones di The Athletic riporta che i Kings hanno raggiunto un accordo con Hollis Thompson, che si unirà al training camp con la chance di lottare per un posto nel roster definitivo.

Pacers: tagliato JaKeenan Gant, arriva Walt Lemon Jr.

Gli Indiana Pacers hanno ufficialmente annunciato il taglio di JaKeenan Gant e la firma di Walt Lemon Jr.

Gant aveva firmato un contratto Exhibit 10 con i Pacers e molto probabilmente inizierà la stagione in NBA G League con i Fort Wayne Mad Ants, franchigia affiliata a Indiana.

Potrebbe essere lo stesso tipo di contratto per Lemon, che si giocherà le proprie carte durante il resto della preseason dopo aver registrato sei presenze con i Chicago Bulls la scorsa stagione.

Fonte: Indiana Pacers.

I Suns esercitano le opzioni su Ayton e Bridges

I Suns hanno esercitato le opzioni su DeAndre Ayton e Mikal Bridges.
I due giocatori avranno contratto garantito anche il prossimo anno.

Marquese Chriss potrebbe firmare un two-way contract con i Golden State Warriors

Attualmente in campo per la Preseason NBA, l’ala Marquese Chriss ha confermato a Connor Letourneau del San Francisco Chronicle di valutare l’eventualità di firmare un two-way contract con i Golden State Warriors: “Voglio stare in NBA adesso” ha detto il giocatore. “Considererei anche quest’opportunità, cercando di ricavarne il meglio”.

I Warriors sarebbero la quinta squadra NBA dell’ex prima scelta dei Suns, in sole quattro stagioni.

Zion Williamson sarà “Game-Time Decision” per la gara delle schiacciate

Possibile gara di schiacciate a Febbraio per Zion Williamson? Secondo quanto riportato da Eric Woodyard di ESPN, il rookie dei Pelicans starebbe prendendo in considerazione l’ipotesi, descrivendo il suo status come “Game-Time Decision”: “Non lo so ancora, dipende da come mi sentirò” ha detto il giocatore.

L’All Star Weekend sarà allo United Center di Chicago dal 14 al 16 febbraio 2020.

Il salary cap potrebbe perdere 10-15 punti percentuali se NBA e Cina dovessero chiudere i rapporti

Alcune squadre stanno facendo delle proiezioni nel caso in cui i rapporti tra NBA e Cina dovessero saltare completamente.
Il salary cap per la prossima stagione dovrebbe essere di $116 milioni, $7 milioni in più di quest’anno.
Ma se la NBA dovesse perdere il business in Cina, il cap potrebbe perdere il 10-15%.
In questo caso tantissime squadre si ritroverebbero in luxury tax.

Fonte: Yahoo Sports.

Gli Houston Rockets tagliano Anthony Bennett

E’ finito praticamente prima di iniziare l’ennesimo tentativo di Anthony Bennett di tornare in NBA. Infatti, secondo Shams Charania, gli Houston Rockets hanno deciso di rilasciare l’atleta scelto al N.1 nel Draft NBA 2013.

Bennett viene da un’annata in G League con medie di oltre 12 punti e 4 rimbalzi, tirando il 53% dal campo, il 45% da tre e l’83% dalla lunetta.

Denver al lavoro per estendere il contratto di Malik Beasley

Secondo Mike Singer, i Denver Nuggets starebbero cercando di convincere Malik Beasley e i suoi rappresentanti a firmare l’estensione prima della deadline del 21 Ottobre.

La ventiduenne guardia da Florida State avrebbe già rifiutato un triennale da circa 30 milioni.

Lo scorso anno Beasley ha fatto registrare medie di 11.3 punti e 2.5 rimbalzi, tirando il 47% dal campo, il 40% da tre e l’84% ai liberi.

Fonte: Denver Post.

Detroit e Andre Drummond in trattative per un’estensione

Secondo Vince Ellis, i Detroit Pistons e Andre Drummond avrebbero iniziato le trattative per un’estensione contrattuale. Il big man ha l’opzione per uscire dal contratto attuale a fine stagione, ma l’owner ha già spiegato che la sua permanenza è la priorità principale della franchigia.
Firmando un’estensione prima della Free Agency il big man da UConn potrebbe arrivare ad un massimo di circa 146 milioni in 4 anni, mentre da Free Agent la cifra salirebbe a circa 202 milioni in 5 anni.

Fonte: Vince Ellis.

Kevin Love: Voglio rimanere ai Cavaliers

Kevin Love non ha intenzione di lasciare i Cleveland Cavaliers con cui ha segnato un quadriennale nell’estate del 2018.
“Io voglio rimanere qui. L’ho sempre pensato. E lo dico sapendo che la NBA è soprattutto business. E visti i cambiamenti che ci sono stati in estate non sai mai cosa possa accaderti” ha detto l’ala. “Ma se la franchigia decidesse di ringiovanire, e potrebbe essere il caso, vedremo. In estate il mio agente non mi ha mai chiamato per dirmi che volevano cedermi o stavano per cedermi” ha aggiunto Love.

 

Fonte: Cleveland.com.

Rob Pelinka crede che i front office debbano trattare le superstar come si trattano i propri partner

Rob Pelinka, GM dei Los Angeles Lakers, pensa che le superstar debbano essere trattate come si trattano i propri partner.

“Ci sentivamo spesso durante il mercato con Rob che mi chiedeva cosa ne pensassi di questo o quel giocatore” ha detto Anthony Davis. “Sembrava una fidanzata che faceva dello stalking. Era un agente quindi ha vissuto nei due mondi diversi. Sta come far funzionare le cose con i giocatori e come tenerli coinvolti. Ed ha cercato di rendere sia me che LeBron molto partecipi delle decisioni della franchigia. Durante la free agency ricevevo costanti messaggi che mi aggiornavano su come stessero andando le cose” ha aggiunto l’ex Pelicans. “Non sono mai stato coinvolto così tanto nelle decisioni. Ero quasi giunto al punto di dire ‘Rob, basta telefonarmi’”.

Pelinka crede molto nell’avere un approccio come quello che sia ha con i partner con le stelle NBA. Dalla trade per Davis, Pelinka ha detto di aver avuto centinaia di telefonate a tre con LBJ e Davis.

 

“Quando un giocatore come LeBron decide di credere in una franchigia, penso da parte della franchigia stessa debba esserci la stessa fiducia. Il fargli capire ‘Stiamo cercando di fare di tutto per farti vincere altri titoli’. Perché alla fine è questo l’obiettivo”.

Fonte: ESPN.

Cavaliers: firmato e tagliato Sir’Dominic Pointer

I Cleveland Cavaliers hanno ingaggiato e tagliato Sir’Dominic Pointer nello stesso giorno. Secondo quanto riportato da Keith Smith di RealGM, Pointer aveva firmato la required tender con i Cavs prima di essere tagliato.

La required tender è un contratto annuale interamente non garantito che le franchigie NBA devono offrire ogni anno ai loro rispettivi giocatori “draft-and-stash” per mantenere i loro diritti. Generalmente la squadra e il giocatore si accordano in modo tale che il giocatore rifiuti la required tender per firmare all’estero o in G League mentre la squadra NBA conserva i suoi diritti.

In questo caso specifico, Pointer ha firmato la required tender e i Cavaliers lo hanno subito tagliato perdendo i suoi diritti, così come era accaduto un anno fa con Alessandro Gentile e gli Houston Rockets.

Pointer, scelto dai Cavs al secondo giro del Draft 2015, è reduce da una breve esperienza in Venezuela.

Fonte: Keith Smith.

Denver esercita l’opzione per il terzo anno di Michael Porter Jr

Secondo Sam Amick, i Denver Nuggets hanno esercitato l’opzione per il terzo anno presente nel contratto da rookie di Michael Porter Jr.

L’ala non è ancora riuscito a debuttare in NBA a causa di problemi fisici.
Stanotte dovrebbe scendere in campo per la prima di preseason contro i Portland Trail Blazers.

I Nuggets tagliano Jorge Gutierrez e Elijah Millsap

Secondo Nick Kosmider, Michael Malone avrebbe riferito ai media del rilascio di Jorge Gutierrez e Elijah Millsap:


Di recente il coach dei Nuggets aveva elogiato l’ex Trento per il suo atteggiamento in difesa.