Rumors NBA

Scegli una data

Donald Trump, colloquio con Adam Silver ed altri commissioner degli sport USA

Donald Trump avrà un colloquio con alcuni commissioner degli sport USA tra cui Adam Silver.
La chiacchierata è prevista proprio nel momento in cui la Hall of Fame annuncerà la classe del 2020.

 

L’argomento sarà l’emergenza coronavirus e quali sono i piani della NBA per provare a riprendere la stagione ferma oramai, come nel resto del mondo, da alcune settimane.

NBA manterrà le date originali di Draft e FA in caso di cancellazione entro inizio giugno?

Il prossimo Draft e la prossima Free Agency NBA dipendono direttamente dalle decisioni che la NBA prenderà in merito alla stagione 2019/20 sospesa per il Coronavirus, secondo quanto riportato da Adrian Wojnarowski di ESPN.

In caso di cancellazione della stagione entro inizio giugno la NBA dovrebbe procedere al regolare svolgimento di Draft e Free Agency nelle date previste, mentre in caso di ripresa delle partite entrambe le fasi sarebbero spostate a fine agosto o inizio settembre.

Fonte: Adrian Wojnarowski.

NBA e NBPA in trattativa per la riduzione dei salari a causa del Coronavirus

Secondo quanto riportato da Shams Charania di The Athletic, la NBA ha proposto alla NBPA una riduzione del 50% degli stipendi mensili maturati a partire dal pagamento previsto per il 15 aprile.

La NBPA, invece, ha inoltrato una controproposta che prevede una riduzione del 25% per gli stipnedi maturati a partire dal pagamento previsto per metà maggio.

Fonte: Shams Charania.

Anche Chad Buchanan di Indiana e Adam Simon di Miami nel mirino dei Bulls

Secondo quanto riportato da Darnell Mayberry di The Athletic, anche Chad Buchanan degli Indiana Pacers e Adam Simon dei Miami Heat sarebbero nel mirino dei Chicago Bulls per guidare la dirigenza nel prossimo futuro.

I Bulls, invece, non avrebbero intenzione di puntare a Sam Presti dei Thunder o Masai Ujiri dei Raptors o di rivolgersi a un agente, sull’esempio di quanto fatto dai Los Angeles Lakers con Rob Pelinka o dai New York Knicks con Leon Rose.

Fonte: Darnell Mayberry.

I Bulls avviano la ricerca di un nuovo dirigente delle ‘basketball operations’

Secondo quanto riportato da Adrian Wojnarowski di ESPN, i Chicago Bulls hanno avviato la ricerca di un nuovo dirigente plenipotenziario per dirigere le ‘basketball operations’. La proprietà dei Bulls ha già discusso dei suoi piani con il vicepresidente John Paxson, che dovrebbe rimanere nella franchigia con un incarico da consulente, e il GM Gar Forman.

Tra i primi nomi considerati dalla dirigenza dei Bulls ci sarebbero il general manager dei Denver Nuggets Arturas Karnisovas e il GM dei Toronto Raptors Bobby Webster.

Fonte: Adrian Wojnarowski.

L’NBA sta considerando solo Las Vegas come sede unica per i Playoff?

Secondo Sports Illustrated, la NBA starebbe esclusivamente considerando Las Vegas come sede unica per i playoff qualora la stagione 2019-20 dovesse riprendere dopo la sospensione per il Coronavirus.

L’organizzazione annuale della Summer League NBA ha portato la lega a intrattenere ottime relazioni con hotel e arene nella città del Nevada, che sarebbe l’unica opzione considerata per il piano che prevederebbe la concentrazione di giocatori, staff e personale in un’unica location per ridurre il rischio di contagio da Coronavirus.

Fonte: Sports Illustrated.

DeMar DeRozan scontento agli Spurs

Secondo CNBC, DeMar DeRozan non sarebbe contento del suo ruolo ai San Antonio Spurs.

“L’attacco non gira così bene per un giocatore come lui in quintetto e ci sono dei problemi” ha detto Yabari Young. “Deve decidere se prendere i soldi oppure magari rinunciare a qualcosa ma tornare in un contesto che più gli si addice” ha aggiunto il giornalista.
DeRozan ha una player option da $27.7 milioni per il prossimo anno.

Fonte: CNBC.

Golden State: Trade per una star o Anthony Edwards in caso di prima scelta assoluta?

Il San Francisco Chronicle fa il punto sulla prossima scelta al Draft dei Warriors.
Con il peggior record della lega, il team guidato da Kerr non potrà scendere sotto la scelta n.5 dopo la Draft lottery.
In caso di prima scelta assoluta, sarebbero due le principali opzioni: Trade per un giocatore ‘pronto uso’ di alto livello, oppure puntare su Anthony Edwards, l’esplosiva guardia da Georgia.
Secondo l’articolo, che cita fonti NBA, il Front Office non sarebbe convinto del valore di altri e due candidati alla N.1, LaMelo Ball e James Wiseman.
Inoltre il team sarebbe molto interessato a Deni Avdija, tanto da considerarlo il secondo miglior prospetto dopo Edwards.

Fonte: SFChronicle.

Nets: Diversi veterani attratti dall’idea di giocare con Irving e KD?

Secondo Brian Lewis ci sarebbero diversi veterani NBA attratti dalla possibilità di firmare con i Brooklyn Nets per unire le loro forze a quelle del duo Irving-Durant.

Il team guidato da Sean Marks non avrà tanto margine di manovra in Free Agency, oltre ai contratti al minimo salariale potrà utilizzare la mid level exception per i team che pagano la luxury tax.

Fonte: Ny Post.

Tom Thibodeau è un obiettivo di Knicks e Nets?

Secondo quanto riportato da Brian Windhorst di ESPN, Tom Thibodeau sarebbe un obiettivo per le panchine delle due squadre di New York, Knicks e Nets.

Nel primo caso potrebbe essere importante il rapporto dell’ex coach di Bulls e Timberwolves con il presidente dei Knicks Leon Rose, direttore dell’agenzia che ha a lungo curato gli interessi di Thibodeau

Fonte: Brian Windhorst.

L’NBA valuta serie playoff al meglio delle tre partite?

Il piano A della NBA, secondo Marc Berman del New York Post, sarebbe quello di disputare i playoff in una unica sede, preceduti da un numero di partite di regular season come “warm-up” (tra 5 e 7)

Una possibilità alternativa è quella di avere serie al meglio delle tre partite, con il tabellone a gara secca tipo March Madness considerato solo in ultima istanza. Tra le possibili sedi uniche per i playoff: Las Vegas, Orlando, Atlantic City, le Hawaii e Louisville.

Fonte: Marc Berman.

I Nets a caccia di una terza star?

Secondo Brian Windhorst di Espn, i Brooklyn Nets sarebbero pronti a cedere diversi giovani del roster per mettere le mani su una terza star, da aggiungere al duo Irving-Durant.
I candidati principali alla cessione quindi dovrebbero essere Spencer Dinwiddie, Caris LeVert (molto amico di KD, oltre i 24 di media con 5 assist post ASG) e Jarrett Allen.

Fonte: Espn.

Mac McClung si dichiara per il Draft NBA

Mac McClung, guardia sophomore di Georgetown, ha annunciato la sua decisione di dichiararsi per il prossimo Draft NBA. Ha firmato con un agente NCAA e potrà tornare al college nel caso in cui decidesse di ritirarsi dal Draft.

McClung, divenuto un fenomeno mediatico per i suoi highlights ai tempi del liceo (ha oltre 700.000 followers su Instagram), ha registrato una media di 15.7 punti, 3.1 rimbalzi e 2.4 assist a partita quest’anno a Georgetown, tirando con il 32.3% da tre.

Fonte: Jonathan Givony.

I Nets a caccia di una terza stella “sacrificando” i suoi giovani?

Secondo Brian Windhorst di ESPN, i Brooklyn Nets hanno intenzione di costruire attorno a Kyrie Irving e Kevin Durant, le due super star della squadra.
E l’obiettivo della franchigia è quello di arrivare ad una terza stella usando come merce di scambio alcuni dei tanti giovani di prospettiva presenti in roster.
I due giocatori più appetibili per le altre squadre sono Caris LeVert e Jarrett Allen oltre a Spencer Dinwiddie.

Sia Bradley Beal che Jrue Holiday sono due giocatori che piacciono molto alla dirigenza.

Fonte: ESPN.

Il Draft NBA verrà rinviato ad agosto-settembre?

Il Draft NBA potrebbe essere spostato ad agosto o addirittura a settembre, secondo quanto riportato da Adrian Wojnarowski di ESPN. Questo nel caso in cui la stagione sospesa riprendesse in estate.

“Il Draft è sempre tenuto alla fine dei playoff, in modo da avere un periodo di offseason con draft e free agency. Quindi se la stagione dovesse riprendere verso luglio e agosto o magari fino a settembre, è possibile che il Draft e la free agency non ci saranno finché i playoff e le Finals non sono finite,” ha detto Wojnarowski su SportsCenter.

Fonte: Forbes.

Knicks, Leon Rose impressionato favorevolmente da Mike Miller?

Secondo quanto riportato da Ian Begley di SNY, il presidente dei New York Knicks sarebbe favorevolmente impressionato dal lavoro di Mike Miller, nominato coach ad interim dopo l’esonero di David Fizdale.

Sarebbero molti i membri della dirigenza Knicks che vorrebbero tenere Miller all’interno della società nella prossima stagione, anche non come capo allenatore.

Fonte: Ian Begley.

L’NBA valuta l’ipotesi di giocare le partite in un unica location “protetta”

Secondo quanto riportato da Brian Windhorst di ESPN, la NBA starebbe valutando l’ipotesi di riprendere la stagione disputando partite in una struttura centralizzata, anche in una città non sede di franchigia NBA, per minimizzare la possibilità di contagio da COVID-19.

Le tre ipotesi circolate sinora sono relative a un casinò a Las Vegas, una struttura nelle Bahamas e un non meglio riportato college nel Midwest dove i casi riportati di Coronavirus sono un numero molto basso.

Fonte: Brian Windhorst.

Jazz: Gobert e Mitchell negativi al tampone

Buone notizie per gli Utah Jazz. Sia Rudy Gobert che Donovan Mitchell, i primi due giocatori NBA ad essere positivi al Covid-19, sono risultati negativi al tampone.
Anche tutti gli altri membri dei Jazz che hanno rifatto il tampone sono risultati positivi.

NBA, i dirigenti più pagati avranno una riduzione dello stipendio del 20%

La NBA ha intenzione di imporre una riduzione dello stipendio del 20% ai 100 dirigenti più pagati della lega, secondo quanto riportato da Adrian Wojnarowski. Tra i dirigenti che avranno lo stipendio ridotto anche il commissioner Adam Silver e il suo vice Mark Tatum.

“Siamo in un momento storico senza precedenti, quindi dobbiamo prendere delle misure a breve termine così come le altre organizzazioni per gestire l’impatto economico sul nostro business,” ha detto il portavoce della NBA Mike Bass.

Fonte: Adrian Wojnarowski.

Jazz, Bucks e Warriors tra i team interessati a Damyean Dotson?

Secondo il New York Post sarebbero almeno tre i team interessati a Damyean Dotson, esterno dei Knicks che sarà Free Agent al termine di questa stagione.
Si tratta dei Milwaukee Bucks, degli Utah Jazz e dei Golden State Warriors.

L’esterno uscito da Houston sarebbe considerato un buon ‘3 and D’, grazie ad un fisico ben definito ed una buona mano dalla lunga distanza.
Nel finale di stagione è rimasto ai margini della rotazione, non un bel segnale riguardo ad una eventuale conferma con i Knicks.

In 48 partite ha messo insieme medie di 6.9 punti e 1.2 assist, tirando con il 36% dalla lunga distanza.

Fonte: Ny Post.

I Knicks eserciteranno la Team Option di Reggie Bullock?

Secondo Marc Berman, Reggie Bullock è  stato uno dei giocatori più apprezzati da coach Miller durante l’ultima parte della regular season.

L’esterno, noto sopratutto per il tiro dalla lunga distanza, ha dato una mano anche nella metà campo difensiva, oltre a risultare un ottimo esempio per RJ Barrett e gli altri giovani del team.

Il suo contratto prevede una team option per la prossima stagione da circa 4.2 milioni, e, secondo il reporter, il Front Office sarebbe intenzionato ad esercitarla.

L’ex UNC ha disputato 29 partite con i Knicks, facendo registrare medie di 8.1 punti e  1.4 assist, con il 33% da tre ed un saldo positivo tra recuperi e palle perse.

Obi Toppin ufficializza il suo ingresso al Draft NBA

Obi Toppin, atletica ala sophomore della rivelazione Dayton, ha annunciato tramite un video la decisione di lasciare i Flyers per firmare con un agente e dichiararsi al prossimo NBA Draft.
Toppin, attualmente al N.9 nella Top 100 di Espn, ha guidato i Flyers a un record di 29 vittorie in 31 partite.

Per lui medie di 20 punti, 7.5 rimbalzi e 2.2 assist, tirando con il 63% dal campo, il 39% da tre ed il 70% ai liberi.

Lonzo Ball lascia la CAA

Lonzo Ball dei New Orleans ha deciso di lasciare la CAA, sua agenzia di rappresentanza, secondo quanto riferito a Sportando.

Ball sarà alla sua terza agenzia dopo aver cominciato la carriera NBA con Harrison Gaines, spinto dal padre LaVar ed essere poi passato alla Creative Arts Agency.

Sports Illustrated aveva riportato per primo che Ball era in procinto di abbandonare CAA.

 

Kenyon Martin jr si dichiara per il draft NBA

Kenyon Martin jr, figlio dell’ex giocatore Kenyon Martin, si è dichiarato per il prossimo draft NBA.
Martin, invece di andare a Vanderbilt, ha deciso di giocare con IMG questa stagione segnando 20 punti di media.

Martin sr è stata la prima scelta del draft del 2000 ed ha giocato 15 anni un NBA raggiungendo due Finals NBA.

Visualizza questo post su Instagram

First, I would like to thank god for blessing me with the ability to play the game that I love. I would like to thank my family for being here every step of the way. I would also like to thank the coaching staff, the weight trainers, my teammates, and everyone at IMG who helped me through that chapter of my life. I appreciate everyone who has supported me and my decisions is up to this point. There was a lot of hate and doubt about my journey but I feel I’ve done what was best for me and now is the time to take the next step which is to Declare for the 2020 NBA Draft. It has been a lifelong dream of mine and I will continue to work day by day to prove to myself and everyone that this is where I belong. THE NEXT CHAPTER STARTS NOW LETS GET IT‼️

Un post condiviso da KJ Martin (@kenyonmartinjr) in data:

Stan Van Gundy non è interessato a diventare coach dei New York Knicks

In un’intervista al New York Post, Stan Van Gundy ha ribadito il suo disinteresse a diventare coach dei New York Knicks, definendoli una franchigia “estremamente disfunzionale” e smentendo il suo interesse anche per via del passato con i Knicks del fratello Jeff.

Van Gundy, invece, ha manifestato interesse di massima per la panchina dei Brooklyn Nets: “Tra le due franchigie sono nettamente l’organizzazione migliore, più stabile. Hanno vinto più partite e hanno più talento”.

Squadre rassegnate sulla cancellazione della Draft Combine, ci saranno colloqui su Skype?

Secondo quanto riportato da Jon Rothstein di CBS Sports, diverse squadre NBA sarebbero rassegnate sul fatto che con ogni probabilità il periodo pre-draft sarà privo della classica Draft Combine così come i workout privati e i colloqui svolti di persona.

Le franchigie probabilmente dovranno quindi basare le loro scelte sullo scouting svolto durante la stagione, con la possibilità eventualmente di fissare colloqui con i giocatori via Skype.

Tre Jones lascerà Duke e si dichiarerà per il Draft NBA

Durante un podcast con Evan Daniels, Mike Krzyzewski ha confermato che Tre Jones lascerà Duke per dichiararsi al prossimo Draft NBA.
Nella sua stagione da sophomore, in cui è stato eletto giocatore dell’anno nella competitiva ACC, Jones ha messo insieme medie di 16.4 punti, 4.2 rimbalzi, 6.4 assist e 1.8 rubate, tirando con il 36% dalla lunga distanza.
Attualmente il playmaker è al N.33 nella top 100 di ESPN.