Varese, Ferrero: “Abbiamo bisogno della gente”

Credits Ciamillo-Castoria
Credits Ciamillo-Castoria

Il capitano dell’Openjobmetis parla alla vigilia del derby di domani contro Cantù.

Riottenuta l’idoneità sportiva dopo il doppio tampone negativo che ha chiuso la sua positività al COVID-19, il capitano dell’Openjobmetis Varese Giancarlo Ferrero sarà a disposizione di Massimo Bulleri per l’attesissimo derby di domani contro Cantù.

Le sue parole dalle colonne de La Prealpina: “Per me è stato pesante staccarmi dai compagni e dover restare isolato in at­tesa degli esiti degli esami, però la squadra ha giocato una grandissima partita domenica a Bologna sopperen­do alla mia assenza. Non avrei voluto per alcun motivo perdermi una partita come quella di domani e sono contentissimo di tornare a disposizione del coach per una sfida della quale conosciamo tutti il va­lore per questa città. So che i biglietti, pur pochi che saranno, stanno andando a ruba, i nuovi ar­rivati hanno già sentito durante la Supercoppa il clima particolare che si crea attorno a Vare­se­-Cantù, quindi sono certo che ci faremo trovare pronti ad un match che per noi vale parec­chio. 700 tifosi non sono gli oltre 4mila del passato, ma in questo momento la squadra e soprattutto il movimento hanno bi­sogno che la gente torni a vedere le partite, sia pure con le prescrizioni di sicurezza attualmen­te in vigore. La percezione è che con queste re­gole si possa assistere alle partite senza correre rischi; che siano 700 o il 25 per cento della capienza in futuro non importa, quel che è sicuro è che la soluzione non può essere ridurre a 200 spettatori”.

Fonte: La Prealpina.

Commenta