Basket rumors

Scegli una data

Agrigento: Christian James torna in America

La Fortitudo Agrigento comunica che Christian James – in accordo con la società – è stato autorizzato a rientrare in America.

In un momento così delicato ed incerto, dovuto all’emergenza da Covid 19, Christian James ha scelto d’essere vicino alla propria famiglia.

Il giocatore, però, resterà in continuo contatto con il nostro staff tecnico in attesa di ulteriori sviluppi relativi alla ripresa dell’attività agonistica.

Fonte: Ufficio stampa Fortitudo Agrigento.

Nuove accuse contro il Panionios

Dopo Devin Sweetney, tocca a DeAndre Liggins lamentarsi del trattamento ricevuto dai greci del Panionios.

La dichiarazione della sua agenzia lascia poco spazio alle interpretazioni: “Siamo estremamente delusi dal modo in cui DeAndre Liggins è stato trattato dal Panionios. E’ stato con il team dal 12 Febbraio, con un contratto firmato fino al termine della stagione, ma il club non lo ha registrato con la federazione greca, nonostante il giocatore si allenasse regolarmente. Il club non ha pagato né lui né gli agenti e non ha coperto le spese di volo come concordato. Non lo hanno aiutato nemmeno nel suo volo di ritorno a causa del virus e della sospensione della lega, e non ha aiutato anche altri giocatori, ignorando tutte le comunicazioni. Condanniamo pienamente questo comportamento e condotta. Il loro incredibile maltrattamento e la mancanza di cura per i giocatori meritano un’indagine da parte della FIBA e della lega greca A1”

 

Devin Sweetney attacca il Panionios: Vergognoso come sono stato trattato

Devin Sweetney è tornato negli USA dopo aver lasciato il Panionios in seguito all’emergenza coronavirus in Grecia.
Il gicoatore americano si è dovuto comprare da solo il biglietto aereo dopo che la dirigenza del Panionios è “scomparsa” per 48 non rispondendo alle sue telefonate o ai suoi messaggi.

“Sono indietro nei pagamenti di bonus e stipendi e sono certo che per alcuni miei compagni la situazione è anche peggiore” ha detto Sweetney a Sportando. “Ho scritto a presidente e GM da sabato ma non mi hanno risposto. Non si tratta dei soldi che mi devono ma della nostra sicurezza. Non avevo voglia di rimanere in Grecia dove non venivo pagato e senza sapere se sarei potuto tornare in America nel giro di due mesi. In America ho famiglia e figli. Qui non si tratta di pallacanestro ma di qualcosa che va oltre. E’ vergognoso come sono stato trattato” ha aggiunto l’americano arrivato al Panionios a fine dicembre. “Mi hanno ignorato nel mezzo di una pandemia e poi si sono arrabbiati perché mi sono comprato da solo il biglietto aereo senza rimanere in Grecia? Come possono permettersi di trattare la gente in questo modo? Il presidente si è arrabbiato, ha parlato col mio agente ma lo porteremo al Bat della FIBA. Sono stato qui due mesi, sono andato ad ogni allenamento e partita. È arrivato il coronavirus ed io mi sono dovuto comprare il biglietto da solo nonostante non mi pagassero? È assurdo” ha continuato Sweetney. “Sono pro da 10 anni, è una situazione incredibile. Se non hanno soldi che lo dicessero. Non ci va di rimanere qui ed essere trattati come schiavi. Ogni settimana il presidente ci diceva qualcosa di diverso. Quasi tutti gli USA se ne sono andati. Io sono rimasto, la situazione coronavirus è peggiorata e mi ignori? Al meno rispondimi, mantieni una comunicazione con me in questo periodo di crisi. Non mi tratti in questo modo e poi pensi che sia ok”.

David Okeke vicino al ritorno in campo dopo due interventi di ablazione cardiaca

Arrivano grandi notizie per il futuro di David Okeke.

Il giovane talento fermo dal febbraio del 2018 a causa di una aritmia cardiaca è vicino al ritorno in campo, secondo quanto riferito a Sportando.

Il talento nato a Monza il 15 settembre del 1998 si è sottoposto a due interventi di ablazione cardiaca (il primo ad inizio febbraio ed il secondo il 20 dello stesso mese) e per fine aprile potrà tornare ad allenarsi in palestra, cosa che gli era stata vietata sin dal febbraio 2018 quando, prima della Final Eight poi vinta dalla sua Fiat Torino, fu fermato per un problema cardiaco.

L’ablazione cardiaca è una è una procedura medica moderatamente invasiva, praticata per correggere le anomalie del ritmo cardiaco.

L’obiettivo dell’ablazione cardiaca è quello di eliminare la causa dell’aritmia; non a caso, ablazione deriva da un verbo latino (auferre), che vuol dire “portare via”.

Con questa stagione oramai compromessa a causa dell’emergenza coronavirus, l’obiettivo di Okeke è quello di tornare in campo a partire dal prossimo anno.

Contratti congelati in EuroLeague? “Giocatori saranno contrari, ma bisogna fare sacrifici”

In una lettera inviata ai club di EuroLeague, un general manager ha avanzato la proposta di congelare i contratti dei giocatori e allenatori, esprimendo preoccupazione per l’impatto negativo che le società subiranno dal punto di vista economico a causa della sospensione della stagione.

Ecco alcuni estratti dalla lettera:

“Non possiamo avere perdite per biglietti e sponsor e pretendere di poter continuare a rispettare gli impegni contrattuali. Sappiamo che gli agenti e i giocatori saranno contrari, ma dobbiamo essere tutti responsabili e pronti a fare sacrifici.”

“Noi abbiamo deciso di congelare i contratti dei nostri giocatori e allenatori,” ha scritto il GM. “Ciò significa che bloccheremo i pagamenti finché la situazione non sarà risolta. Noi come club di EuroLeague dobbiamo avere un’intesa in questa situazione sperando che si risolva tutto al più presto.”

EuroLeague, i club vogliono “congelare” i contratti con giocatori e allenatori?

Secondo quanto riportato dal sito greco SDNA, i club di EuroLeague starebbero discutendo la possibilità di “congelare” o risolvere i contratti con giocatori e allenatori.

La sospensione della stagione avrà sicuramente un impatto negativo sulle casse delle squadre che sono preoccupate di come e se riusciranno a rispettare gli impegni contrattuali in essere.

Secondo SDNA, un’opzione proposta dai club è di rendere validi gli attuali contratti fino al 15 marzo, poi i giocatori e allenatori riceveranno un ulteriore contratto a breve termine nel caso in cui la stagione riprendesse.

Fonte: SDNA.

Cina, gli ultimi aggiornamenti: gli stranieri che non tornano saranno sospesi per 3 anni

Questi gli ultimi sviluppi sul campionato cinese che ricomincerà il prossimo 15 aprile, a circa due mesi e mezzo dallo stop imposto a fine gennaio.

Tutti i giocatori che arriveranno da fuori la Cina dovranno effettuare un periodo di quarantena di 15 giorni e poi fare il tampone per il Covid-19;

I giocatori sotto contratto che si rifiuteranno di tornare in Cina verranno sospesi dalla CBA per i prossimi tre anni.

I giocatori stranieri sono attesi tutti per il 23-25 marzo per poter poi essere in grado di giocare sin dal 14 aprile.

Le partite saranno giocate tutte tra Qingdao e Dongguan per limitare al massimo gli spostamenti e ci saranno 4 partite a settimana per ogni squadra, tutte senza pubblico.

Winner League, si va verso la chiusura del campionato?

La dirigenza della Winner League israeliana si è riunita per discutere il destino della stagione attualmente sospesa per l’emergenza Coronavirus.

La decisione verrà ufficializzata domani, ma secondo quanto riportato dai media israeliani, l’opzione più probabile è quella di rinunciare al resto della stagione e assegnare il titolo nazionale al Maccabi Tel Aviv primo in classifica, con il Maccabi Ashdod che retrocederebbe in seconda serie.

Secondo Sports Rabbi, il ministero dello sport avrebbe respinto l’idea di imporre una quarantena ai giocatori per poi giocare tutte le partite rimanenti in una sola città.

Fonte: Moshe Barda.

Malik Dime risolve il contratto con il Lavrio

Il centro Malik Dime si è accordato con il Lavrio per rescindere il suo contratto a causa dell’emergenza COVID 19, secondo quanto riportato da George Zakkas.

Il big man ha disputato 14 partite per il team greco, con medie di 8.5 punti, 5.4 rimbalzi e 1.4 stoppate.

Chris Wright lascia il Torun

Chris Wright e il Torun hanno trovato l’accordo per rescindere il contratto, secondo quanto riferito a Sportando.
Il playmaker aveva fatto registrare medie di oltre 15 punti e 5 assist in campionato, e di 18 punti e 6 assist in BCL.

KK Zadar: Bryon Allen ai saluti

Si separano le strade del KK Zadar e di Bryon Allen, secondo quanto riferito a Sportando.
La guardia vista più volte in Italia stava segnando oltre 18 punti di media in ABA Liga.

Rick Pitino è il nuovo coach di Iona

Rick Pitino ha confermato al reporter Jon Rothstein l’accordo siglato con Iona: “Sono molto entusiasta, ho iniziato il mio viaggio nel basket a Manhattan e potrò chiuderlo a New Rochelle. Ho ammirato l’ottimo lavoro svolto da Tim Cluess negli ultimi anni, proverò a portarlo avanti ed anche a migliorare. In Grecia mi mancava il mondo del College Basket, ora sono tornato dove è iniziato tutto. E’ la migliore sensazione al mondo”
UPDATE: Dopo le dichiarazioni di Pitino è arrivato anche l’annuncio ufficiale dell’ateneo:

Rick Pitino torna al college, accordo con Iona?

Rick Pitino, attuale coach del Panathinaikos, sembra deciso a tornare nel mondo del college basket. Nelle ultime ore si sono susseguiti diversi rumors sul suo futuro.
CBS Sports ha rivelato che il coach avrebbe fatto sapere ai giocatori del Panathinaikos che tornerà ad allenare negli States. Inoltre Pitino avrebbe specificato che sarebbe disponibile -In caso di ripartenza di Euroleague o campionato greco- a concludere la stagione in Europa.
Pochi minuti fa Ian O’Connor ha rivelato che lo stesso Pitino sta dicendo ad alcune persone di aver già trovato l’accordo con Iona.
Iona è un college dell’area di New York che fa parte della Metro Atlantic Athletic Conference, non esattamente tra le migliori Conference d’America…

Il giovane Mojave King firma con i Cairns Taipans

Il giovane prospetto australiano Mojave King ha firmato un contratto con i Cairns Taipans tramite il Next Stars program della NBL.

La guardia classe 2002 è un prodotto della NBA Academy australiana ed è considerato una possibile scelta nel primo giro del Draft 2021. Ha preferito la NBL a offerte provenienti dalle università di Arizona, Baylor, Virginia e Oregon.

Fonte: NBL.

Serie A, ipotesi Final Eight scudetto e Final Four retrocessione?

Suggestiva ipotesi lanciata dalle colonne del Giornale di Brescia in merito alla conclusione del campionato di Serie A sospeso per l’emergenza Coronavirus.

A seguito di un question time con il gm della Germani Sandro Santoro è emersa l’ipotesi di una Final Eight per assegnare lo scudetto e di una Final Four, con valore di layout, per assegnare le retrocessioni. Importante anche sottolineare la posizione di Santoro, che ha indicato come un errore l’idea di prendere decisioni “in questo momento”.

Fonte: Giornale di Brescia.

Cancellato il PIT causa coronavirus

Il PIT, uno dei tornei più importanti per gli scout di tutto il mondo, è stato cancellato a causa dell’emergenza coronavirus negli Stati Uniti.

Il Portsmouth Invitational Tournament non aveva mai subito neanche un anno di pausa sin dalla sua nascita, 67 anni fa.

 

Liberi tutti in casa Zalgiris: giocatori e coach possono andarsene a tempo indeterminato

Dopo la decisione della LKL di assegnare chiudere la stagione anzitempo, assegnare il titolo allo Zalgiris e la decisione della EuroLeague di sospendere la competizione almeno sino all’11 aprile, la squadra lituana ha permesso a giocatori e staff di lasciare la squadra sino a nuovo ordine.

Quando la Euroleague deciderà come proseguire la stagione allora i giocatori e gli allenatori saranno informati e gli verrà richiesto di tornare nel giro di alcuni giorni.

Fonte: Zalgiris Kaunas.

White torna negli USA: A Roma non potevo far altro che stare a casa a mangiare PB&J’s

Il giocatore James White ha lasciato Roma per tornare negli Stati Uniti.
Ad annunciarlo lo stesso giocatore americano su Twitter che ha spiegato che i motivi del suo addio sono legati al fatto di non volere rimanere chiuso in casa.

Pistoia riprende gli allenamenti il 25 marzo, Petteway negli USA col permesso del club

A seguito dell’ultimo Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Pistoia Basket 2000 ha deciso di prolungare la sospensione delle attività relative alla prima squadra. Allo stato attuale, la ripresa degli allenamenti agli ordini di coach Michele Carrea è fissata per mercoledì 25 marzo. In conseguenza di ciò, la società comunica altresì di aver concesso un permesso per il temporaneo rientro negli Stati Uniti al giocatore Terran Petteway.

Fonte: Ufficio Stampa Pistoia Basket.