Milano, Messina: “Pensavo fosse finita, una reazione che mi conforta”

Credits Ciamillo-Castoria
Credits Ciamillo-Castoria

Le parole di Messina, tra la sfida con l'ASVEL e il caso Moraschini

Così Ettore Messina ha commentato il successo in volata sull’Asvel, con le sue parole riportate da RealOlimpiaMilano: “La scorsa settimana è stata molto stancante e bella, oggi abbiamo iniziato con poca energia e la nostra difesa era molle e lenta. Abbiamo meritato di essere sotto alla fine del primo tempo, poi nell’intervallo ho chiesto semplicemente di fare meglio. Onestamente pensavo fosse finita, pur sperando in una reazione. Non solo abbiamo fatto una ripresa migliore, ma siamo riusciti a vincerla. Devo fare i complimenti alla squadra“.

I francesi e le parole di Parker sul terzo quarto (“La prossima volta faremo meglio”): “Ovvio quando perdi un vantaggio così consistente ci sono meriti e demeriti, ma non mi sento di commentare il mio collega. Nel secondo tempo hanno avuto un momento in cui hanno perso qualche pallone di troppo, sia in attacco che sotto i tabelloni. Okobo sapevamo fosse un ottimo giocatore ed abbiamo fatto tanta fatica, per fortuna nel finale siamo riusciti a metterlo un po’ in difficoltà”.

Melli ha parlato di una squadra con grandi valori morali: “Non contano solo in questa partita, ma in generale. Mi fa piacere Nicolò senta che questa squadra ha qualcosa dentro. Lui ha giocato in squadre vincenti e, se lui ha queste sensazioni, questo mi conforta molto. Anche se avessimo perso, la reazione della squadra mi aveva confortato e fatto capire che c’è“.

Il problema nel finale di Delaney? “Aveva dei crampi. Speriamo sia solamente quello”.

Reazione del gruppo alla notizia di Moraschini: “C’è dispiacere, perché riguarda un compagno. C’è l’assoluta convinzione che non si è dopato per diventare più grande e più grosso. Nel caso le controanalisi siano di nuovo positive, cercheremo di capire cosa è successo. Aspettiamo prima di avere la documentazione e poi faremo un commento”.

Commenta