L’exploit del ‘dottor’ Vildera: dopo la laurea è top scorer contro la Fortitudo (16 punti)

Foto Ciamillo
Foto Ciamillo

Miglior realizzatore per la De' Longhi è stato il pivot Giovanni Vildera, alla sua prima gara in doppia cifra della carriera in LBA

Nel posticipo della ventiduesima giornata la De’ Longhi Treviso supera la Fortitudo Lavoropiù Bologna per 84 a 78 e entra in zona playoff piazzandosi al settimo posto in classifica. Per Treviso è la seconda vittoria consecutiva dopo il successo contro la UNAHOTELS Reggio Emilia.

Miglior realizzatore per la De’ Longhi è stato il pivot Giovanni Vildera, alla sua prima gara in doppia cifra della carriera in LBA. Il centro della De’ Longhi chiude con 8 tiri da due segnati su 9 tentativi con 7 rimbalzi e 3 palle recuperate per una valutazione totale di 23, tutto in soli 17 minuti giocati.

La miglior prestazione della stagione Vildera l’aveva realizzata contro Pesaro alla decima giornata di andata quando aveva messo a referto 8 punti con 2 rimbalzi e 1 recupero per una valutazione di 12. Record personale oltre ai punti segnati e alla valutazione anche gli 8 tiri da due realizzati e i 5 rimbalzi offensivi che sono anche la secondo miglior prova per Treviso in questa stagione.

Martedì 9 marzo il centro della De’ Longhi Treviso Basket, 26 anni, aveva colto un ulteriore traguardo extra-sportivo raro e meritorio per un atleta professionista: la laurea triennale in Scienze dell’Alimentazione all’Università San Raffaele di Roma. Molto interessante e attinente alla professione del pivot padovano nato a Montebelluna l’argomento della tesi discussa ieri rigorosamente “on line”: “Nutrigenomica e Performance dell’Atleta”, che gli è valsa ieri la proclamazione con il punteggio di 98.

Fonte: Legabasket.

Commenta