La San Giobbe Chiusi resta a casa! Terminati i lavori di adeguamento del PalaPania

La San Giobbe Chiusi resta a casa! Terminati i lavori di adeguamento del PalaPania

L'impianto, con il montaggio di una nuova tribuna, ha raggiunto i 2000 posti

Sono terminati, nel tempo utile consentito, gli interventi di adeguamento del PalaPania, il palazzetto da poco inaugurato a Chiusi e casa, dallo scorso giugno, della San Giobbe Basket. L’impianto, con il montaggio di una nuova tribuna, ha raggiunto i 2000 posti, risponde finalmente alle richieste federali della Serie A2 ed assume, se possibile, una posizione ancora più centrale per funzionalità e possibili impieghi futuri. La deroga concessa al club senese era scaduta alla fine dello scorso mese di novembre e lo spettro di un possibile trasferimento della squadra per le partite interne, nel caso non fossero riusciti nei tempi concordati i lavori di adeguamento della struttura, si era fatto piuttosto reale. Il lavoro congiunto della San Giobbe, dell’Amministrazione Comunale e della Coopersport, società che gestisce l’impianto, ha fatto sì che ogni dubbio sulla possibile permanenza venisse fugato. Il PalaPania, nella sua nuova e bellissima veste, vivrà una ‘seconda inaugurazione’ nella giornata di domenica 5 dicembre quando andrà di scena la partita tra Chiusi e Forlì valevole per il decimo turno del Girone Rosso della Serie A2 Old Wild West. “La San Giobbe Basket rimane a Chiusi e noi siamo molto contenti di poter giocare nel nostro palazzetto dopo il montaggio della nuova tribuna – dichiara il presidente della squadra Giuseppe Trettel. È stato fatto un grande sforzo da parte di tutti, non era facile farci trovare pronti dopo la promozione in Serie A2 ma devo dire che il lavoro di gruppo ha portato a un buon risultato. Mi sento in dovere di ringraziare l’Amministrazione Comunale attuale che, dall’insediamento, si è subito adoperata per adeguare il PalaPania alla capienza richiesta ma anche l’Amministrazione uscente che ci ha consentito di disputare le partite decisive dello scorso campionato in questa struttura. Un ringraziamento personale va anche a chi gestisce il palazzetto, la società Coopersport nelle figure del presidente Vincenzo Albanese e del direttore Fabrizio Felici, i quali si sono prodigati nella realizzazione del progetto. Adesso l’invito è per tutti gli appassionati di basket e in generale a tutta la cittadinanza a riempirlo. Chiusi ha da oggi una struttura di livello che permetterà di organizzare eventi sportivi e non solo. Un’occasione ulteriore per far conoscere la città, intercettando quel turismo sportivo di cui tanto si parla”.

Commenta