Jeremy Lin: “Essere un veterano ex NBA non mi protegge dall’essere chiamato Coronavirus in campo”

La G League ha aperto un'indagine per la denuncia mossa da Lin

In un post scritto sui social media da Jeremy Lin in cui denuncia il razzismo e gli stereotipi nei confronti degli americani di etnia asiatica, emerge anche una frase che ha avuto un impatto particolare tanto da far aprire anche un’indagine da parte della NBA G League.

“Essere un veterano con 9 anni di esperienza in NBA non mi protegge dall’essere chiamato ‘Coronavirus’ in campo,” ha scritto Lin, che in queste settimane sta giocando in G League con i Santa Cruz Warriors.

L’indagine da parte della G League è in corso per approfondire la questione, come riportato da Shams Charania.

Something is changing in this generation of Asian Americans. We are tired of being told that we don't experience racism,…

Pubblicato da Jeremy Lin 林書豪 su Giovedì 25 febbraio 2021

Fonte: Shams Charania.

Commenta