Il pensiero di Giampaolo Ricci: Tokyo, arriviamo!

Foto Ciamillo
Foto Ciamillo

Le parole di Ricci sui social dopo la conquista delle Olimpiadi

Queste le parole su Facebook di Giampaolo Ricci. Queste parole lasciano pensare che Ricci sarà tra i 12 che Meo Sacchetti porterà in Giappone alle Olimpiadi di Tokyo.
Sognare, fantasticare, immaginare che qualcosa possa accadere. Prevedere. Chiudere gli occhi…
Prendete i vostri figli. Portateli in una palestra, in un campo all’aperto, in piscina. Dategli in mano un pallone da basket. O da pallavolo. Anche da calcio dai. Oppure una racchetta, o un fioretto.
Fateli giocare, divertire. Fateli competere. Fateli cadere. Devono sbucciarsi le ginocchia, metterci un po’ di disinfettante, un cerotto sopra e tornare a correre e SOGNARE.
Dodici ragazzi, con vite diverse, storie non facili, esperienze in città e paesi lontani, ma con uno stesso sogno. Quel sogno che ha cominciato a prendere vita quando sabato pomeriggio, con un room service da record (sei club sandwich, quattro hamburger, una decina di toast, cochine zero per tutti e una pizza per non farci mancare niente), tifavamo spudoratamente per Portorico, già battuta qualche giorno prima.
Poi una voce nel silenzio: “Mah sì raga che vinca la Serbia, sarà più bello batterli domani!”. Qualche secondo di silenzio, qualche sguardo d’intesa, e una consapevolezza che aumentava insieme alla fame di vittoria.
Sono due anni che “vincere in finale contro la Serbia a Belgrado…ma dai su come si fa?!Impossibile.”
Prendete i vostri figli e portateli in palestra.
Perché lo sport è vita. E ogni tanto i sogni si avverano.
Immaginare che qualcosa possa accadere. Prevedere. Chiudere gli occhi…
Tokyo, arriviamo!

Commenta