Vittoria preziosissima per Venezia: i campioni d’Italia sbancano Patrasso

Vittoria preziosissima per Venezia: i campioni d’Italia sbancano Patrasso

Venezia domina per 28 minuti avanti anche di 16 punti. Patrasso recupera grazie alla grande difesa e nel finale con Babb ha anche la palla delle vittoria ma la sbaglia. Vittoria fondamentale per gli uomini di De Raffaele.

Nel terzo turno delle top16 nel Gruppo F di EuroCup Venezia sbanca Patrasso con una prova di squadra. Dopo aver dominato per 28 minuti arrivando anche sul +16 la Reyer a cavallo tra la fine del terzo periodo e l’inizio del quarto subisce un parziale di 16-0 dai greci. Il finale si gioca punto a punto con il Promitheas che sbaglia con Chris Babb la tripla della possibile vittoria.
Per i campioni d’Italia grande prova di Watt che scrive 17 punti e Tonut con 15. Per Patrasso il migliore è Ellis con 21 punti. Venezia trova la quarta vittoria consecutiva tra campionato e coppa.

1° QUARTO
Quintetti di partenza con coach Giatras che schiera: Mantzaris, Lypovyy, Babb, Agravanis ed Ellis. Per gli ospiti De Raffaele manda in campo: Stone, Tonut, Chappell, Watt e Udanoh. Venezia subito avanti 4-7 dopo 3 minuti di gioco grazie alla tripla di Chappell.
De Raffaele piazza Stone in marcatura stretta sul primo terminale offensivo degli avversari, ovvero Babb; gli ospiti confezionano il più +5 grazie alla regia illuminante di Stone con Watt che sigla il canestro del 10-15 al 6’. Patrasso si affida al suo centro Octavius Ellis che con i suoi 9 punti in poco meno di 7 minuti e alla bomba di Lypovyy, ricuciono lo svantaggio per Promitheas, 16-18 all’8’. Reyer avanti sul +6 grazie alla tripla frontale di Daye, 17-23 con cui finiscono i primi 10 minuti.
2° QUARTO
L’Umana, in contropiede, firma il +8 con il solito di Daye. Dopo 12 minuti arrivano i primi liberi per gli ospiti, è Bramos a tirarli mettendone ½ portando così i suoi al nuovo massimo vantaggio orogranata, 19-28. Si scalda Michael Bramos con una tripla da lontanissimo, per +10 ospite, 21-31 al 13’. Il grecoamericano è incontenibile mette un’altra tripla da casa sua per il +11 e poco dopo Vidmar fa la voce grossa sotto i tabelloni siglando i punti del 23-36 al 15’. La squadra campione d’Italia pare inarrestabile; Mazzola, piazzato sull’angolo, mette la bomba del +14, 25-39. Per i greci al 18’ arrivano i primi due punti di Chris Babb seguiti da 4 punti consecutivi prima di Matzaris e poi di Agravanis, un parziale di 6-0 Patrasso che costringe De Raffaele al timeout a 58” dalla fine con il punteggio sul 33-41. Venezia si mette a zona, ma Babb la buca con un canestro in entrata che vale il -7 greco. Il tempo si chiude sul 35-44 con i due liberi messi a segno da Vidmar. 68-70 il finale.

3° QUARTO
Si rientra in campo dopo l’intervallo lungo con Agravanis a siglare, con una bomba, il canestro del -6, dall’altra parte gli risponde Tonut con una tripla in transizione, Venezia trova altri due punti con Watt e poi ancora di Tonut, un break di 7-0 che fa male ai greci, 40-53 al 23’. Stone difende in modo sublime su Babb recupera il pallone servendo poi il solito Tonut che in contropiede mette il +15. Uno scintillante ed incontenibile Stefano Tonut mette la sua seconda tripla della partita per il 42-58 al 25’. Patrasso reagisce producendo, grazie ad una difesa più aggressiva, un parziale di 8-0 con il sigillo da sotto firmato da Mantzaris, 50-58 al 28’. Negli ultimi due minuti le due squadre non mettono punti a referto, soprattutto la Rece rimane senza canestri per quasi 4 minuti. Dopo 30 minuti il risultato è di 50-58.
4° QUARTO
Promitheas recupera subito nel primo possesso un pallone grazie alla difesa e in attacco Agravanis segna il -6; il parziale aperto a favore dei greci che si allunga sul 10-0; Lypovyy segna 4 punti di fila per il -2 Patrasso. Venezia è in clamorosa difficoltà e non segna più; arriva il pareggio sul pari 58 per merito di Katsivelis con un parziale complessivo di 16-0. Per la Reyer Julyan Stone ferma il parziale con una tripla. Gli uomini di Giatras hanno la palla del sorpasso ma la sbagliano. Un paio di canestri di Mitchell Watt consentono ai lagunari di tornare avanti di 5, 60-65 al 36’. Arriva la quattordicesima palla persa di Venezia e i greci con Hall sulla sirena dei 24” concretizzanoil -1. Watt si prende sulle spalle l’Umana arriva il canestro del 64-67 al 38”. Entriamo negli ultimi 38 secondi di gara con Patrasso palla in mano, Tonut dal nulla recupera un pallone e in contropiede mette il canestro del +4. Non è finita perché a 15” dalla sirena finale Lypovyy mette la bomba del -1, 68-69. Tonut in lunetta fa ½ dalla lunetta per +2 Rece; I greci hanno la possibilità di vincere la partita ma Babb sbaglia la tripla della vittoria. Finisce 68-70.

Commenta