Udine, presentato l’accordo con Lightoop: la macchina sanifica palloni ha esordito domenica

Udine, presentato l’accordo con Lightoop: la macchina sanifica palloni ha esordito domenica

Il macchinario è stato impiegato per la prima volta domenica al PalaCarnera.

Il recupero del ventiquattresimo turno di Serie A2 Old Wild West con Bertram Tortona non solo ha portato all’Apu Old Wild West Udine due punti in classifica – che hanno consolidato il terzo posto a una giornata dal termine della regular season -, ma verrà ricordato anche per l’esordio della macchina sanifica palloni al PalaCarnera, uno strumento importante per implementare la sicurezza di atleti, arbitri e addetti ai lavori.

Lightoop, start up con sede in Friuli Venezia Giulia, ha ideato, costruito e testato la prima macchina sanifica palloni attraverso l’emissione di raggi UV-C in ambiente a chiusura stagna. Lightoop in appena sessanta secondi sterilizza la superficie sferica al 99,99%, il massimo misurabile, come certificato dal Dipartimento di Microbiologia dell’Università di Padova, anche da Covid-19. Lo sport è senza dubbio uno dei settori che ha pagato e sta pagando il prezzo più alto: eventi sportivi senza pubblico, rigidi e costosi protocolli sanitari, attività giovanili interrotte, palestre e piscine chiuse, hanno di fatto stoppato bruscamente il lavoro di decine di migliaia di persone in tutto il nostro paese e le abituali attività fisiche e ludiche di milioni di italiani mettendo in serie difficoltà tutte le società sportive chiamate ad uno sforzo extra per evitare il collasso del comparto.

L’APU Udine, con la consueta sensibilità rispetto ai temi di sicurezza per i propri dipendenti e gli atleti, senior e junior che siano, si è immediatamente resa disponibile per l’avvio di un progetto pilota che non fa altro che confermare la capacità di visione della società friulana. Implementare la sicurezza dei propri atleti della prima squadra, gli arbitri, lo staff e tutti gli addetti ai lavori impegnati negli allenamenti giornalieri e nelle gare ufficiali di campionato, è un primo importante segnale in vista di una prossima apertura delle attività giovanili in cui i piccoli cestisti APU toccheranno un pallone sempre sanificato e sicuro.

Alberto Baesso, Responsabile di Progetto Lightoop“Siamo molto orgogliosi che una società importante e prestigiosa come l’APU Udine abbia scelto Lightoop per implementare la sicurezza di atleti e addetti ai lavori. La nostra start up, con sede in Friuli Venezia Giulia, ha sviluppato la prima macchina sterilizza palloni attraverso emissione di raggi UV-C in ambiente a chiusura stagna. Un prodotto sicuro, efficace, facile da utilizzare e soprattutto senza nessun tipo di controindicazioni. Lightoop aumenta la percezione di sicurezza per gli atleti professionisti, gli addetti ai lavori e tutti coloro che entrano a contatto con il pallone da gioco o da allenamento. Siamo certi che la nostra macchina sarà uno strumento utilissimo anche e soprattutto per la prossima ripresa delle attività giovanili dove la richiesta di sicurezza sarà aumentata dopo questo lunghissimo periodo di pandemia che ha travolto le nostre vite, il nostro lavoro, le nostre passioni. Ci tengo a ringraziare il Presidente Alessandro Pedone, Francesco Maiorana e tutta la società APU per aver sposato il nostro progetto attraverso l’avvio di questo progetto pilota che sarà un buon esempio, per attenzione e cura dei propri atleti, dai più grandi ai più piccoli, per tutta la regione.”

Francesco Maiorana, Consigliere del CdA di APU Old Wild West Udine“APU Udine è lieta di poter dare corso ad una Partnership con una azienda come Lightoop che è una start up innovativa che ha saputo sviluppare un prodotto di disinfezione basato su tecnologie innovative optoelettroniche ed ecologiche per l’utilizzo nel Settore sportivo ma non solo. Si tratta di una Partnership particolarmente congeniale all’APU che da sempre ha dimostrato di essere in prima linea quando si parla di Innovazione, Sicurezza, Tutela della Salute. Infatti, anche in pieno lockdown l’APU Udine non si è mai fermata ad aspettare, ma com’è nello spirito del proprio Presidente ha sempre guardato avanti pensando alla “Ripartenza” per cercare, quanto prima, di creare le condizioni di Sicurezza per poter accogliere nuovamente i propri tanti tifosi all’inter- no del Carnera. Sempre nell’ottica della “Ripartenza”, grazie al Macchinario ideato e prodotto da Lightoop, lAPU permetterà ai propri atleti di praticare la Pallacanestro in sicurezza, tutelando la Salute degli stessi. In particolar modo l’APU pensa non solo agli atleti della Prima Squadra ma anche e soprattutto ai propri atleti più gio- vani, a cui sarà permesso di giocare utilizzando dei palloni che, effettuato il rapido Procedimento di Sanificazione previsto dal Macchinario, li preserverà da qualsiasi contaminazione, compresa quella da Covid – 19. In buona sostanza la Partnership con Lightoop sta a dimostrare che l’APU pensa al Futuro, l’APU pensa alla Sicurezza dei propri Atleti”.

Commenta