Treviso vince il derby con Venezia grazie ad uno strepitoso ultimo quarto

Treviso vince il derby con Venezia grazie ad uno strepitoso ultimo quarto

Al Palaverde il derby è di Trevso che supera Venezia grazie ad uno strepitoso quarto periodo di gioco trascinata da un super capitan Imbrò.

Nel quinto turno della Eurosport Supercoppa Girone C il derby del Palaverde tra De’ Longhi Treviso e Umana Reyer Venezia lo vince la squadra di Menetti che batte in rimonta quella di De Raffaele per 73-70. Decisivo il quarto periodo vinto dalla De’ Longhi per 25-13 trascinata da un clamoroso Imbrò. Ottima prova anche di Russel autore di 14 punti e di Akele con 9 tutti nel quarto periodo. Alla Reyer non bastano i 19 punti di Watt e i 15 di Daye. 73-70 il finale.

1°quarto.

Treviso, alla palla a due, schiera sul parquet Russell nel ruolo di play, Logan e Carroll come guardie, Akele gioca ala, il lungo e Mekowulu. Venezia replica con De Nicolao in regia, Tonut e Chappell esterni, Mazzola nel ruolo di quattro e come centro Watt. Un inizio con pochi canestri e tanta difesa; Treviso trova con il contropiede di Russell il 7-4 a 4’, dalla parte opposta Watt fa male agli avversari 12-9 lagunare al 6’. Si gioca a ritmi relativamente bassi; De Raffaele, come di consueto, a metà frazione inserisce Daye con l’Umana che aumenta il divario sul 17-9. Un paio di distrazioni difensive degli ospiti permettono a Russell e Cheese di ricucire parzialmente lo svantaggio. Dopo primi 10 minuti di partita 18-13 Venezia, con entrambe le squadre a zero triple segnate.

2°quarto

Dopo 11 minuti dell’incontro arriva il massimo vantaggio Umana, 22-13 grazie alla correzione a canestro di Mike Bramos. Treviso non segna praticamente mai e gli orogranata, con quattro punti consecutivi dell’ex di turno Fotu, si portano sulla doppia cifra di vantaggio, 26-14 al 13’ costringendo Menetti al minuto di sospensione. La De’ Longhi si sblocca con il canestro di Carroll; la partita è caratterizzata da moltissimi errori sotto misura segnale di una condizione non al meglio. I primi 20 minuti terminano con il bel canestro di Watt che manda a scuola Mekowulu, con la prima tripla della partita dello stesso centro nigeriano e con la bomba di Daye sul punteggio di 38-30 Reyer.

3°quarto

Si rientra dall’intervallo lungo con gli stessi quintetti di partenza. Un inizio con un botta risposta fra Watt e Russell. La partita a tratti diventa una sorta di tonnara sotto canestro. Venezia più volte sbaglia tiri aperti e dalla parte opposta Logan non perdona siglando la bomba del -6 biancoblu. L’inerzia del match per un attimo va dalla parte dei padroni di casa che con Vildera trovano il canestro del -4. Ci pensa, però, Bramos con una tripla a riallungare il vantaggio sul +7. La De’ Longhi ha un Russell letteralmente scatenato segna 5 punti di fila che consentono ai suoi di portarsi sul -1, 47-48 al 28’; lo stesso Russell ha la palla persino del sorpasso, ma la Reyer reagisce prontamente con Stone, Daye, e Tonut confezionando il + 9, 57-48 con cui termina il terzo periodo.

4°quarto

La De’ Longhi si affida a capitan Imbrò abile a piazzare otto punti di fila che consento a Treviso di rientrare sul -5 e poi Akele confeziona la bomba del -2, 61-63. Venezia fatica in attacco e Imbrò punisce ancora una volta gli avversari siglando la tripla del sorpasso, 64-63 a 3’31” dalla sirena. La Reyer deraglia, Watt commette un fallo antisportivo su Cheese e Carroll mette i punti del +5 trevigiano.

Entriamo nell’ultimo minuto di gara con Treviso avanti 70-65.

Tonut trova il canestro del -3 e poi Chappell a 32”dalla fine mette la bomba del pareggio. A 12 secondi dalla sirena Akele, dalla spazzatura, raccoglie un pallone che appoggia a tabellone per il +2.

L’Umana ha la palla della per vincere il match; il viaggio a cronometro fermo di Chappell termina con uno 0/2, lo stesso giocatore prende il rimbalzo offensivo ma sbaglia il tiro. Imbrò dalla lunetta sigla ½, poi è la volta di De Nicolao che sbgalia il primo e di proposito il secondo libero. Il pallone a 4 secondi dalla fine è in mano a Daye che sbaglia la tripla del pareggio. Finale 73-70.

Commenta