Terrell McIntyre: “Grazie Ferrara per aver creduto in me”

Terrell McIntyre: “Grazie Ferrara per aver creduto in me”

McIntyre ha giocato in Italia con Ferrara, Capo d'Orlando, Reggio Emilia, Siena e Virtus Bologna

Terrell McIntyre racconta al Resto del Carlino gli inizi della sua carriera italiana con la maglia di Ferrara:

“Sono tornato al mio college, a Clemson, dove tutto è iniziato e lavoro nel mio ex college. Mi piace, è qualcosa che vorrei diventasse il mio futuro”.

Prima di parlare di presente e futuro però, c’è un passato sfavillante da raccontare, che è iniziato a Ferrara. Che ricordi hai di quella stagione?
“E’ stato il primo passo. La Carife mi ha lanciato nel basket europeo. Nelle prime due stagioni dopo il college, ero andato nelle leghe minori americane, poi Francia e Germania. Ma avevo ancora in testa l’Nba”.

Terrell McIntyre è l’uomo delle vittorie di squadra, ma anche dei mille record individuali: 9/10 da 3 punti con la maglia di Ferrara in A2, 10/10 da 3 punti con la maglia di Reggio Emilia, e per due anni di fila la nomina di miglior play dell’EuroLeague. Ti emoziona ancora pensarci oggi?
“E’ bello che la gente se lo ricordi ancora oggi, lo stesso vale per me. Sono stati davvero anni speciali, mi sono allenato ogni giorno duramente per fare questi numeri. Fu inizialmente inusuale per me guardare queste cifre, perché mi mettevano sempre più pressione e ogni partita era sempre più competitiva. Ma questo è ciò che ho fatto. A ripensarci sono anche un po’ sorpreso, ma è bellissimo pensare di aver fatto qualcosa di speciale per tanti tifosi”.

Commenta