Teodosic: Orgoglioso dello scudetto. Djordjevic? Il motivo per cui ho firmato a Bologna

Foto Ciamillo
Foto Ciamillo

Teodosic: È vero che il basket, come altri sport, sta diventando sempre più solo un lavoro, dove non ci sono troppe emozioni. E poi chiedono ai giocatori di provare emozioni. Futuro? Posso uscire dal contratto ma non ci ho ancora pensato

Milos Teodosic ha rilasciato una lunga intervista a Mozzartsport in cui ha parlato anche della Virtus Bologna e del suo futuro.

“Il 4-0 l’Olimpia è stato inaspettato. Ha sorpreso anche noi. L’Olimpia una squadra di grande qualità. Una grande favorita non solo nella serie ma anche in EuroLeague dove è stata tra le prime cinque-sei squadre. Abbiamo giocato come lo scorso anno fino allo stop per la pandemia. Nell’ultimo mese e mezzo ci siamo uniti ed abbiamo giocato alla grande. Sono orgoglioso di come abbiamo giocare. Ed anche se avessimo perso avrei detto lop stesso. Sarei comunque stato orgoglioso” ha detto Teodosic.

“Con Scariolo ho parlato. Abbiamo parlato della squadra, del club ed in generale. Vuole conoscere meglio l’ambiente in cui si trova ed è normale aver parlato con lui. Io ho la possibilità di uscire dal contratto (sino al 10 luglio, ndr) ma sinceramente al momento non ci ho pensato. C’è una persona che si occupa della situazione e d’accordo con lui vedremo cosa fare. È bello per me stare a Bologna” ha continuato il serbo.

Le parole di Belinelli? Sono felice di quello che ha detto. Non conoscevo Marco prima di Bologna. Una grande persona e compagno di squadra. Un giocatore di esperienza che ha giocato in grandi squadre con compagni fortissimi. Cerca sempre di trasmettere la sua esperienza ai tutti noi, soprattutto ai più giovani. Sono contento di aver avuto la possibilità di giocare con lui” ha aggiunto Teodosic.

“Markovic? Siamo riusciti finalmente a giocare insieme. Gli voglio bene e dopo questi due anni siamo diventati ancora più amici. Volevamo vincere qualcosa insieme ed alla fine lo abbiamo fatto in maniera dominante. Non sappiamo cosa accadrà in futuro ma ci piacerebbe giocare assieme ancora. Vediamo se possibile” ha continuato Teodosic.

Che ha poi chiuso parlando di Sasha Djordjevic.

“Avevo già un ottimo rapporto con Sasha. A partire dalla nazionale. Sasha è stato il motivo della mia firma a Bologna. Mi dispiace che sia finita così dopo un grande successo. Speravo non accadesse e pensavo che non sarebbe successo. È vero che il basket, come altri sport, sta diventando sempre più solo un lavoro, dove non ci sono troppe emozioni. E poi chiedono ai giocatori di provare emozioni”.

Commenta