Trieste è scintillante, Reggio non riesce più a vincere: all’Unipol è 70-96

Foto: FIBA
Foto: FIBA

Trieste guidata dagli esterni si mangia una Reggio Emilia scarica e poco convinta

Trieste continua nel suo buon momento in una partita che è stata viva solo nei primi quarti di gioco. La Unahotels non si scrolla di dosso la serie di sconfitte consecutive e onestamente fa anche poco per riuscirci, giocando davvero convinta di quello che stava facendo solo nei primi dieci minuti.

Martino sceglie Justin Johnson per il campo e Kyzlink per la tribuna, mentre Dalmasson può contare sul ritorno di Grazulis.

Nel primo quarto Reggio parte aggressiva e concentrata, il primo squillo è suo sul 14-7. Trieste dopo un timeout cambia Da Ros e Laquintana entrambi con 2 falli e inizia a giocare più leggera, con Fernandez che sembra in serata, non riuscendo a sopravanzare la Unahotels, ma rimanendo attaccata, anche nel parziale dei primi dieci minuti sul 22-21 per i padroni di casa.

Nel secondo quarto Trieste mette subito la freccia con un 7-2 che costringe al timeout Martino. La risposta di Reggio è aumentare l’aggressività sulla palla con show e raddoppi, che in qualche modo sono efficaci, ma la luce in casa reggiana è solita accedersi e spegnersi abbastanza di frequente nelle ultime partite. Da questo punto di vista il secondo quarto è da luce spenta per i padroni di casa, che perdono il quarto 14-24 e il parziale di fine tempo che dice 36-45. Trieste ha tanto da Henry e Fernandez, 12 e 10 punti rispettivamente, ma comunque frutto di una prestazione di squadra.

Nel secondo tempo Trieste piazza subito un parziale di 15-3 sembra mettere una croce sulla partita. Reggio prova a reagire con un parziale appena si siede Taylor, mai in partita, ma è troppo poco per impressionare questa Allianz, che sembra davvero lanciata per traguardi che ad inizio stagione sembravano ambiziosi. Il finale è 70-96 con 18 di Doyle e Henry, per Reggio 16 di Elegar. 

Commenta