Scaligera Verona: il nuovo vice è Bonacina

Scaligera Verona: il nuovo vice è Bonacina

Nuovo assistente per Ramagli

Scaligera Basket comunica di aver sottoscritto un contratto con coach Andrea Bonacina che ricoprirà il ruolo di assistente allenatore della prima squadra a partire dalla stagione sportiva 2021-2022.
Bonacina approda alla Tezenis Verona dopo la doppia esperienza nella passata stagione sportiva avendo ricoperto il ruolo di assistente prima alla Virtus Roma e successivamente alla Pallacanestro Reggiana.
Nato a Merate (LC) il 13 agosto 1984, ha iniziato la propria carriera nel settore giovanile della Pallacanestro Cantù. Successivamente ha maturato esperienze a Robbiate e Bernareggio, proseguendo successivamente all’Aurora Desio e a Casalpusterlengo ricoprendo il ruolo di vice allenatore in Serie A2. Nel 2016 approda a Ferrara sempre in Serie A2, dove viene promosso come capo allenatore nella stagione 2017-2018. Nell’estate del 2019 il trasferimento a Udine dove ricopre il ruolo di assistente proprio di Alessandro Ramagli.
“Inseriamo all’interno dello staff tecnico un allenatore che ha già maturato un’ottima esperienza in questi anni sia nel ruolo di vice allenatore che di capo allenatore – ha commentato il Direttore Sportivo, Alessandro Frosini – Bonacina ha toccato con mano la Serie A con Roma e Reggio Emilia e ha già avuto modo di lavorare con coach Ramagli a Udine. Cercheremo di sfruttare al massimo il feeling che si è già creato tra i due in modo che possa essere un valore aggiunto per la nostra società”.
“Per me è un’opportunità incredibile – ha commentato coach Bonacina – sono contentissimo per la fiducia che il club e Ramagli hanno riposto in me con un orizzonte temporale di medio periodo. Questo mi rende ancora più responsabile e voglioso di dare indietro tutta la fiducia a 360° a questo club, non vedo l’ora di iniziare e di poter dare il mio contributo. Con Ramagli abbiamo un vissuto comune assieme a Udine; da subito è nata una sinergia professionale molto bella con un dialogo aperto e schietto tra noi. In più ritroverò anche il preparatore atletico Giacomo Braida con il quale ho collaborato sia a Udine che a Ferrara, sarà un piacere ritrovare anche lui. Partiamo con un gruppo di lavoro collaudato e oliato, questo dovrà essere una cosa su cui costruire un vantaggio competitivo sugli altri e che proveremo a fare fruttare”.

Commenta