Sale Djordjevic: Ora ne manca una, ma la partita della vita è sempre quella che viene dopo

Sale Djordjevic: Ora ne manca una, ma la partita della vita è sempre quella che viene dopo

Sale Djordjevic commenta con grande eleganza il successo di gara-3 che avvicina la Segafredo Virtus Bologna allo scudetto

Sale Djordjevic commenta con grande eleganza il successo di gara-3 che avvicina la Segafredo Virtus Bologna allo scudetto: «Messina è un grande maestro, uno dei più grandi in Europa di tutti i tempi. Ma noi ce la stiamo giocando nel modo buono. Abbiamo ritrovato un grande Weems, dopo l’infortunio ha ritrovato la forma fisica, ma tutti stanno dando il loro. I nostri leader giocano da leader, e gli altri gli stanno dietro. Ora ne manca una, ma io dico sempre che la partita della vita è sempre quella dopo. Pubblico meraviglioso, è stato bello ritrovarli, penso anche Zanetti e Baraldi che ci guarda».

Queste altre dichiarazioni sono prese da realolimpiamilano.com

«Una grande attenzione, grande partita e risultato. Penso che, al di là della partita o della serie, stiamo giocando nella maniera giusta, con questa energia, forza, unità e concentrazione. Bisogna chiudere il prima possibile, analizzare questa partita, con qualche cambio che hanno fatto. Abbiamo risposto bene, su questa chiave tattica. Vedremo cosa accadrà in gara 4»

«Abbiamo limitato le palle perse. I minutaggi sono stati divisi, in particolare dei nostri leader, si va avanti. Abbiamo stravinto a rimbalzo ed è stata una chiave per tutti i playoff”.

Il break nell’ultimo quarto: “È uno sforzo enorme, però noi abbiamo il nostro sistema, la nostra preparazione atletica, fisica e mentale. Da tanto tempo lavoriamo su questo, sappiamo come arrivare a dare ai ragazzi questa certezza fisica. Ora bisogna fare una bella colazione domani, da lì si parte col recuperare le energie

La prova di Weems: “Ha fatto una partita straordinaria. Ha recuperato dal problema fisico a fine stagione ed ogni partita nei playoff ha sempre fatto meglio. Poi Kyle ha un feeling particolare con il pubblico. E lui, come gli altri ragazzi, hanno ricevuto un paio di ali in più”.

Il match point per il titolo: “Dobbiamo calmarci, raffreddare la testa e pensare domani al recupero, anche mentale. Spero i ragazzi avranno le batterie dei telefoni scarichi tutto il giorno ed i computer senza corrente. Dimenticarla il prima possibile, analizzarla bene e pensare alla prossima. Sarà la partita della nostra vita, così come tutte le prossime gare”.

Una Virtus come l’Efes? “Sono straniero, non capisco…

Fonte: bolognabasket.org.

Commenta