Roberto Iezzi è il nuovo preparatore atletico della Germani Brescia

Roberto Iezzi è il nuovo preparatore atletico della Germani Brescia

Pallacanestro Brescia ha il piacere di aggiungere al proprio staff tecnico una persona dal ricco palmares

Roberto Iezzi è il nuovo preparatore atletico della Germani Brescia. Pallacanestro Brescia, dunque, ha il piacere di aggiungere al proprio staff tecnico una persona dal ricco palmares, che vanta numerose esperienze sul territorio italiano e un prestigioso triennio trascorso nello staff dell’Hapoel Gerusalemme, squadra di blasone e caratura internazionale, concluso proprio prima del suo arrivo a Brescia.

L’operazione che ha portato all’approdo di Roberto Iezzi è stata fortemente desiderata da Mauro Ferrari, che ha individuato nell’autorevole profilo del preparatore le qualità professionali adatte a impreziosire ulteriormente lo staff tecnico bresciano.

“Ho scelto Pallacanestro Brescia per il progetto interessante che la società sta intraprendendo, attraverso il coinvolgimento di molti giovani all’interno dello staff e mostrando la volontà di fare bene – commenta il nuovo preparatore della Germani -. Mi ha colpito la voglia di rivoluzionare e di ricercare nuove modalità di lavoro, un aspetto stimolante per chi come me e Alessandro Magro ha vissuto esperienze all’estero. Confrontarsi con il massimo campionato italiano, in un contesto serio e di livello come quello di Brescia, è davvero qualcosa di impagabile”.

“Con l’arrivo di Roberto acquisiamo quella che, a tutti gli effetti, è un’eccellenza nel suo campo – è il pensiero di Marco De Benedetto, responsabile scouting di Pallacanestro Brescia -, testimoniata dal fatto che ha scelto Brescia a fronte di alternative europee di livello, poiché crede molto nel nostro nuovo progetto”.

“Oltre che estremamente preparato a livello professionale, Roberto possiede anche la caratteristica di mantenersi costantemente aggiornato, con una fame pazzesca per i dettagli – continua Marco De Benedetto -. Inoltre, sia io che coach Alessandro Magro abbiamo la fortuna di conoscerlo, umanamente, già da tempo: siamo certi che sposi perfettamente il metodo di lavoro che intendiamo seguire”.

Nato a Pescara nel gennaio 1986 e trasferitosi a Udine da adolescente, nell’ateneo della città friulana Iezzi conclude gli studi universitari di Scienze Motorie, per poi completare la formazione accademica presso lo IUSM di Roma. Appassionato di sport e affascinato dall’universo a spicchi, poco dopo il termine dell’esperienza universitaria riceve la chiamata della Stella Azzurra Roma, società cestistica fortemente dedita allo sviluppo del proprio settore giovanile. Per Roberto Iezzi inizia così l’era capitolina: dopo i primi due anni in qualità di assistente, durante i successivi cinque anni riveste il ruolo di head physical coach per il vivaio romano, sperimentando in prima persona quanto appreso.

Conclusa la formativa esperienza romana e dopo una parentesi a Veroli, nel 2015 si unisce alla corte della Tezenis Verona, team di serie A2 che per il preparatore marca il passaggio dal mondo giovanile a quello senior. Per le seguenti due stagioni Iezzi si accasa alla PMS Moncalieri, lavorando sia con il settore giovanile che con la prima squadra militante nel campionato di serie B.

Mentre si trova in Lettonia con la nazionale under 18 per i campionati Europei 2018, riceve la chiamata dell’Hapoel Gerusalemme, quotato club israeliano che gli permette di interfacciarsi con un panorama internazionale di alto profilo, collaborando con il ruolo di preparatore atletico e responsabile della performance e della riabilitazione. L’esperienza con l’Hapoel termina nel 2021, con il successivo trasferimento in terra bresciana e l’inizio della nuova avventura a fianco della Germani.

Oltre alla passione per la pallacanestro e all’impegno sul campo per ciò che riguarda la propria professione, il nuovo arrivato di casa Germani Brescia conserva alle proprie spalle un background da atleta: con una brillante carriera, anche di notevole livello, Iezzi è stato per numerosi anni giocatore di baseball in diversi club italiani.

Commenta