Processo Floyd: l’ex poliziotto Chauvin condannato per omicidio. I comunicati di Timberwolves e NBPA

Processo Floyd: l’ex poliziotto Chauvin condannato per omicidio. I comunicati di Timberwolves e NBPA

I comunicati dopo la sentenza che ha accusato di omicidio l'ex agente di polizia Derek Chauvin

L’ex agente di polizia di Minneapolis Derek Chauvin è stato giudicato colpevole di omicidio involontario di secondo grado, omicidio di terzo grado e omicidio colposo di secondo grado da una giuria martedì per il suo ruolo nell’omicidio di George Floyd lo scorso maggio al di fuori di un minimarket locale.

La morte di Floyd e il video che mostrava Chauvin inginocchiato sul collo di Floyd per circa nove minuti, sono diventati un catalizzatore per il movimento razziale e per la giustizia sociale del mondo sportivo la scorsa estate.

Una giuria di sei giurati bianchi, quattro neri e due multirazziali ha deliberato nove ore in due giorni – cinque ore il lunedì; quattro ore martedì – prima di emettere un verdetto.

Chauvin rischia una pena massima di 40 anni per la condanna per omicidio di secondo grado, una condanna a 25 anni per omicidio di terzo grado e una condanna a 10 anni per omicidio colposo di secondo grado.

“Un anno fa, George Floyd è stato assassinato, provocando dolore e traumi inimmaginabili per la sua famiglia, la comunità di Minneapolis e le comunità in tutta la nazione”, hanno dichiarato martedì in una dichiarazione congiunta Minnesota Timberwolves della NBA e Minnesota Lynx della WNBA. “I nostri pensieri più profondi sono stati con la famiglia Floyd dopo questa ingiusta tragedia. Nel corso della nostra storia, le disuguaglianze razziali e sociali sono state radicate nella nostra società.

 

“Siamo fiduciosi che la decisione odierna serva come un passo avanti, ma non allevia il dolore fisico ed emotivo che continua in un ambiente in cui esiste il razzismo sistemico”.

La morte di Floyd ha portato a proteste a livello nazionale e ha spinto gli atleti di tutto il mondo sportivo a parlare delle ingiustizie sociali e razziali. L’ex giocatore NBA Stephen Jackson si è recato in Minnesota la settimana in cui Floyd è morto e ha detto “Sono ferito, sono arrabbiato, ma non ho paura” in un discorso emozionante insieme agli altri giocatori NBA Karl-Anthony Towns e Josh Okogie. Jaylen Brown dei Boston Celtics ha guidato 15 ore per marciare a una protesta ad Atlanta.

I giocatori di NBA e WNBA hanno parlato spesso ed entrambi i campionati hanno ripreso le loro stagioni con “Black Lives Matter” dipinto sul campo. “Attraverso una protesta pacifica, dobbiamo esigere una forte leadership a tutti i livelli che sia ugualmente impegnata a raggiungere una vera giustizia sociale”, ha detto la Women’s National Basketball Players Association in una dichiarazione la settimana della morte di Floyd.

Mentre la notizia della morte di Floyd si è diffusa, LeBron James ha pubblicato un messaggio su Twitter con una foto di Floyd accanto a un’immagine di Colin Kaepernick e ha scritto “Capisci ORA !! ?? !! ??” Magic Johnson ha twittato “Quante volte dobbiamo vedere uomini neri uccisi sulla televisione nazionale?” L’allenatore dei Golden State Warriors Steve Kerr ha twittato “Questo è un omicidio. Disgustoso. Seriamente, cosa diavolo c’è di sbagliato negli Stati Uniti ????”

L’NBA e la National Basketball Players Association hanno rilasciato una dichiarazione congiunta martedì, dicendo “siamo lieti che la giustizia sembra essere stata fatta”, ma anche aggiungendo che “c’è molto lavoro da fare”.

Un gruppo di giocatori della NFL, incluso Patrick Mahomes, è apparso in un video su Twitter che iniziava con “Sono passati 10 giorni da quando George Floyd è stato brutalmente assassinato. Quante volte dobbiamo chiederti di ascoltare i tuoi giocatori? Cosa ci vorrà? Per uno di noi essere assassinato dalla brutalità della polizia? ” e chiedendo “E se fossi George Floyd?”

Quando la stagione NFL si è aperta a settembre, i Minnesota Vikings hanno onorato la famiglia di Floyd alla loro apertura con un momento di silenzio e mettendo a tacere il simbolo della squadra Gjallarhorn in suo onore. Ogni squadra ha suonato “Lift Every Voice And Sing”, chiamato l’inno nazionale nero, prima dell’apertura della stagione, e i giocatori hanno indossato il nome di Floyd, Breonna Taylor e altri uomini e donne neri uccisi dalla polizia sul retro dei loro caschi. .

La tennista Naomi Osaka ha indossato nomi di sette persone di colore uccise dalla polizia sulla sua maschera ad ogni partita degli US Open. Quando un giornalista le ha chiesto quale messaggio voleva inviare, ha detto: “Sento che il punto è far iniziare a parlare di questa cosa”.

Floyd è stato ucciso il 25 maggio dopo che gli agenti di polizia di Minneapolis hanno risposto a una chiamata poco dopo le 20:00. su un possibile futro in una drogheri. Floyd, dicendo che era claustrofobico quando gli agenti hanno cercato di metterlo in un’auto della polizia, è finito ammanettato e a faccia in giù per la strada.

Chauvin ha usato il ginocchio per inchiodare il collo di Floyd mentre la gente gridavano di fermarsi. Il video dei presenti mostra Floyd che grida “Non riesco a respirare” più volte prima di perdere i sensi. È stato dichiarato morto in ospedale all’età di 46 anni.

La polizia inizialmente ha rilasciato una dichiarazione dicendo che Floyd è morto per un “incidente medico”. Il video dei presenti è stato pubblicato online il giorno successivo e, di fronte alle crescenti proteste a Minneapolis e a livello nazionale, la polizia ha detto che l’FBI avrebbe indagato. Chauvin e altri tre ufficiali sono stati infine licenziati mentre il sindaco di Minneapolis Jacob Frey ha chiesto accuse penali contro Chauvin.

Chauvin, 45 anni, un veterano di 19 anni delle forze di polizia di Minneapolis, è stato arrestato il 29 maggio e accusato di omicidio di terzo grado e omicidio colposo. Le accuse sono state successivamente aggiornate a omicidio di secondo grado, omicidio di terzo grado e omicidio colposo di secondo grado.

Con l’aumento delle proteste a Minneapolis e in tutto il paese, il 1 giugno il medico legale della contea ha stabilito che il cuore di Floyd si è fermato mentre la polizia lo ha trattenuto e gli ha compresso il collo, notando che Floyd aveva problemi di salute e elencando l’uso di fentanil e metanfetamina come “altre condizioni significative”.

Al processo, i pubblici ministeri hanno affermato che Chauvin era responsabile della morte di Floyd dopo avergli tenuto un ginocchio sul collo. La difesa ha sostenuto che è morto a causa dei farmaci nel suo sistema e delle condizioni di salute preesistenti.

Altri tre ufficiali sono stati arrestati e saranno processati insieme quest’estate.

Fonte: ESPN.

Commenta