Pallacanestro Reggiana: ufficiale la firma di Kassius Robertson

Pallacanestro Reggiana: ufficiale la firma di Kassius Robertson

Pallacanestro Reggiana comunica di aver raggiunto un accordo fino al termine della stagione 2022/2023 con l’atleta canadese Kassius Robertson

Pallacanestro Reggiana comunica di aver raggiunto un accordo fino al termine della stagione 2022/2023 con l’atleta canadese Kassius Robertson.
Nato a Toronto, classe 1994, Robertson è una guardia di 191 centimetri uscita nel 2018 dal college di Missouri.
La sua carriera europea è iniziata in Germania a Bayreuth, formazione con la quale ha disputato anche la Basketball Champions League. Successivamente, l’approdo in Italia con la maglia della Fortitudo Bologna, chiudendo l’annata con 14 punti in 30’ di media con il 41% dalla lunga distanza.
Nelle ultime due stagioni Robertson, che fa anche parte stabilmente della nazionale canadese, ha giocato in Spagna con l’Obradoiro: nel 2021/2022 per lui 14.5 punti e 3.7 assist di media nelle 34 partite giocate in ACB, mentre nel corso di quest’estate è stato impegnato nella CEBL canadese con gli Scarborough Shooting Stars, chiudendo con 14 punti, 2.5 rimbalzi, 2.5 assist di media ed il 46% da 3. 
Queste le parole del DS Filippo Barozzi: “La firma di Kassius Robertson va a rinforzare ulteriormente il nostro reparto esterni, mettendo a disposizione di coach Menetti un ottimo trattatore di palla che ha varie soluzioni offensive nel proprio arsenale. Kassius è un atleta nel pieno della carriera, in costante crescita, che ha dimostrato grande entusiasmo e motivazione nell’accettare questa sfida. Sarà importante sfruttare sia le sue ben note capacità realizzative che le sue doti di combo affinate nelle ultime due eccellenti stagioni in ACB”.
Così ha commentato Kassius Robertson: “Sono davvero galvanizzato dalla possibilità di poter tornare a giocare in Italia, paese e campionato dove mi ero trovato molto bene seppur la stagione venne interrotta anticipatamente per Covid. Penso che la Pallacanestro Reggiana sia la soluzione ideale per me, a maggior ragione dopo aver parlato con coach Menetti sono fiducioso che potremo fare grandi cose insieme. Non vedo l’ora, appena avrò terminato gli impegni con la nazionale canadese, di arrivare in città e conoscere i miei compagni”.

Commenta