NBA: dopo New York e San Francisco anche a Los Angeles obbligo di vaccino?

Alcuni atleti NBA che hanno scelto di non vaccinarsi, tra cui Irving e Porter Jr, rischiano di dover saltare diverse partite quest'anno

A Los Angeles sono state approvate delle nuove restrizioni, che probabilmente complicheranno la vita anche al carrozzone NBA.

Il City Council ha votato a favore dell’ordinanza che riguarda l’obbligo di vaccinazione per entrare in qualsiasi posto al chiuso, comprese ovviamente le arene che ospitano la pallacanestro NBA.

La firma del sindaco Eric Garcetti sarebbe solo una formalità.

Avranno la possibilità di presentare un test negativo svolto nelle 72 ore precedenti solo  le persone con esenzioni religiose o mediche.

Quindi, dopo San Francisco e New York, anche Los Angeles chiude le porte ai non-vaccinati. Con tutto ciò che ne consegue per la NBA e per i pochi atleti che hanno deciso di non vaccinarsi.

Michele Roberts smentisce l’accordo su riduzione della paga per le sfide saltate dai non vaccinati

Commenta