Moraschini: Messina mi vede più regista che esterno, provo a creare di più e finalizzare meno

Foto Ciamillo
Foto Ciamillo

Le parole del giocatore di Milano che dà un consiglio a Moretti: Il difficile quando arrivi in una squadra come l’Olimpia è capire il livello di intensità e di presenza che devi avere, a livello fisico ma soprattutto mentale, sempre

Riccardo Moraschini ha parlato a Luca Chiabotti di Repubblica della sua seconda stagione milanese.

Queste le sue parole.

Nuovo ruolo.

Non ho scelto di tirare meno da tre punti, è una cosa che finora è venuta naturalmente: Messina mi vede più regista che esterno, io cerco di creare un pochino di più e finalizzare un pochino meno. Questa Armani è più versatile rispetto a quella in cui sono arrivato, ha meno punti fissi in attacco ma tanti ruoli ben definiti con leader come Datome e Hines che sanno cosa si deve fare in campo per vincere. Ma la chiave di tutto, è la nostra difesa.

Davide Moretti.

Il difficile quando arrivi in una squadra come l’Olimpia è capire il livello di intensità e di presenza che devi avere, a livello fisico ma soprattutto mentale, sempre. La stagione è fatta di alti e bassi, bisogna andare sempre dritti senza deprimersi e farsi trovare pronti quanto le occasioni si manifestano. Ne ho parlato con Davide, è una cosa complicata anche per chi ha un grande talento ma viene da un college americano. Se accetti questa sfida che è soprattutto mentale, il resto viene da solo.

Commenta