Milano col dubbio Luwawu-Cabarrot, Messina: Con Monaco sappiamo che sarà dura

Foto Ciamillo
Foto Ciamillo

Tre squadre capeggiano l’EuroLeague con 10 vittorie e quattro sconfitte, una di queste è l’AS Monaco

Tre squadre capeggiano l’EuroLeague con 10 vittorie e quattro sconfitte, una di queste è l’AS Monaco che nella sua seconda stagione nella massima competizione europea – cui è ammessa come vincitrice dell’Eurocup 2021 (diritto poi ribadito accedendo ai playoff la passata stagione) – sta volando con un bilancio di 5-2 sia in casa che in trasferta. Monaco nello scorso doppio turno, tutto trascorso nel Principato, ha perso con il Barcellona e battuto l’Alba Berlino con una tripla di Elie Okobo. Nelle ultime due gare non ha avuto Jordan Loyd, la guardia titolare, ma di fatto si è trattato dell’unica assenza. Anche così si spiega un rendimento oggettivamente altissimo grazie anche alla capacità di vincere le gare in volata. Monaco ha vinto tre partite con tre o meno punti di vantaggio, cinque con sei o meno punti, più due gare le ha vinte al supplementare. In una competizione in cui le differenze sono minime si tratta di numeri che hanno un peso notevole. L’Olimpia di contro ha perso due gare su due all’overtime. Tuttavia, entra in questa partita rinfrancata dalla vittoria di Belgrado e determinata a cancellare lo “zero” dal numero di vittorie interne. L’Olimpia con 4-4 è quinta in EuroLeague per rendimento esterno, ma ovviamente ultima per quello interno.

NOTE –EA7 Emporio Armani Milano-AS Monaco si gioca venerdì 23 dicembre alle 20:30 al Mediolanum Fourm. Clicca qui per i biglietti.

GLI ARBITRI – Matej Boltauzer (Slovenia), Benjamin Jimenez (Spagna), Anne Panther (Germania).

COACH ETTORE MESSINA – “Dopo la buona partita di Belgrado, sappiamo di essere attesi da un impegno difficilissimo contro una squadra molto forte a giocare in isolamento con James e Okobo e dotata di una grande potenza atletica a rimbalzo offensivo. Per pensare di poter vincere la partita dovremo essere efficaci nel tagliafuori, impegnare i loro giocatori più dotati di talento offensivo quando saranno in difesa e in generale giocare con pazienza. Purtroppo alle solite assenze si è aggiunta l’influenza di Luwawu-Cabarrot, che è a letto da domenica sera e il cui utilizzo verrà deciso solo a ridosso della gara”.

AS MONACO – Diretta da Sasa Obradovic, Monaco è una squadra a forte trazione posteriore, anche se in questo momento sta giocando senza il veterano Jordan Loyd (12.9 punti per gara), infortunato. L’uomo chiave ovviamente è Mike James (18.8 punti e 4.2 assist per gara), uno dei più grandi realizzatori degli ultimi anni, alla seconda stagione a Monaco. Elie Okobo, dopo alcuni anni in America, lo scorso anno giocava a Villeurbanne, ma poi si è trasferito nell’altra squadra francese di EuroLeague. Mancino, segna 12.3 punti per partita. Ha segnato la scorsa settimana la tripla della vittoria contro l’Alba. Il settore esterni è completato da Matthew Strazel e dal tiratore Yakouba Ouattara. All’ala piccola il più impiegato è l’esplosivo Alpha Diallo (10.6 punti per partita, 38.9% da tre, 4.5 rimbalzi di media). L’alternativa è Jaron Blossomgame (4.4 punti per gara). Le ali forti sono John Brown, giocatore di straordinaria intensità e aggressività, e Adrien Moerman. Brown segna 6.6 punti per gara e ruba 1.6 palloni di media e vi aggiunge 3.5 rimbalzi di cui 2.2 sono in attacco. Moerman che ha vinto l’EuroLeague due volte con l’Efes, sta segnando solo 2.8 punti di media ma con 3.3 rimbalzi a partita. I centri sono complementari: il lituano Donatas Motiejunas è un realizzatore da 8.7 punti con il 67.3% da due e 3.1 rimbalzi a partita; Donta Hall è un “lob catcher” da 7.2 punti con il 71.4% da due oltre a 4.4 rimbalzi a partita.

I PRECEDENTI VS. MONACO – Solo due, la passata stagione, con una vittoria per parte. L’Olimpia vinse in trasferta e Monaco rispose espugnando Milano nell’unica gara di regular season saltata da Nicolò Melli.

LA MONACO CONNECTION – Mike James ha giocato un anno a Milano nella stagione 2018/19 vincendo la classifica marcatori di EuroLeague. In quella stagione ha disputato 30 partite con 595 punti e 191 assist. Nel 2016/17, Brandon Davies ha trascorso la stagione a Monaco, che allora non giocava in EuroLeague. Jordan Loyd ha giocato lo scorso anno a San Pietroburgo con Billy Baron.

GAME NOTES – Brandon Davies, decimo giocatore dell’Olimpia ad assicurarsi il titolo di MVP del Round in EuroLeague, è a tre punti di distanza dai 2.000 in carriera e a cinque rimbalzi difensivi dai 500. I suoi sette assist contro la Stella Rossa sono record carriera. Nicolò Melli è partito in quintetto in tutte le 14 partite dell’Olimpia e in tutte le ultime 46 gare di Milano in cui è stato presente. Billy Baron ha segnato 14.2 punti per gara nelle quattro vittorie dell’Olimpia; 7.8 nelle sei in cui ha giocato e l’Olimpia ha perso. Ha centrato almeno una tripla in 13 delle sue ultime 14 presenze. Kyle Hines è a quattro stoppate di distanza dalle 300 in carriera. Da quando è a Milano in EuroLeague ha giocato 90 gare su 90.

Commenta