Milano a Monaco per Gara 3: Pazienti e lucidi nel difendere e creare tiri aperti in attacco

Foto Ciamillo
Foto Ciamillo

Le parole di Messina su Gara 3 di quarti di finale playoff

Quella che si avvicina a Gara 3 a Monaco (mercoledì 28 aprile, ore 20.45, diretta su Discovery+ ed Eurosport Player) è stata finora una serie difensiva in cui il Bayern è stato tenuto sotto il 41% nel tiro da due e l’Olimpia sotto il 30% nel tiro da tre, molto al di sotto dei numeri della stagione regolare di tutte e due le formazioni. L’Olimpia va in Germania sul 2-0, dopo aver vinto in rimonta da meno 19 Gara 1, con una prodezza al buzzer della coppia Delaney-LeDay, e aver vinto Gara 2 comandando il punteggio per tutta la sua durata ad eccezione dello 0-5 iniziale, ma subendo la rimonta del Bayern (che sul campo di casa è 13-4, il record migliore della competizione, anche se una di quelle quattro sconfitte porta proprio la firma di Milano) nel terzo periodo. Entrambe le squadre hanno giocato nei rispettivi campionati nel weekend: l’Olimpia ha vinto in rimonta a Pesaro, il Bayern ha perso in casa con l’Alba Berlino, ma ambedue le formazioni hanno ridotto roster e il minutaggio dei giocatori più impegnati in EuroLeague.

COACH ETTORE MESSINA – “Andiamo a Monaco a giocare Gara 3 di una serie che ovviamente è molto aperta, perché finora tutto quello che abbiamo fatto è stato rispettare il fattore campo. Dovremo essere pazienti, concreti e lucidi nel continuare a difendere bene e a cercare tiri aperti nella metà campo offensiva”.

KYLE HINES – “Abbiamo una grande opportunità di chiudere la serie, ma sappiamo perfettamente che il Bayern non ci renderà il compito facile, mi aspetto che giochi una partita molto fisica fin dall’inizio, probabilmente la migliore fino a questo momento, per cui noi dovremo essere bravi a pareggiare la loro intensità e interpretarla con il loro stesso spirito”.

GLI ARBITRI – Damir Javor (Croazia), Mehdi Difallah (Francia), Gytius Vilius (Lituania).

GARA 1– Con un secondo quarto da 26-11, il Bayern ha dilagato guidando la partita anche con 19 punti di margine sul 40-21. L’Olimpia ha gradualmente rimontato, era sotto di 17 all’intervallo, poi ha cambiato passo nella ripresa, rientrando a meno otto nel terzo, prima della risposta del Bayern con tre tiri liberi di Vladimir Lucic e la superba prova di DJ Seeley (23 punti, 5/5 da tre). Con un 6-0, il Bayern è ritornato a meno 14. Il secondo tempo di Sergio Rodriguez vale però 13 punti. Il primo tentativo di sorpasso è fallito da Punter, ma a 1:17 dalla fine Hines a rimbalzo mette in ritmo LeDay per pareggiare la partita. Dopo due errori di James Gist dalla lunetta, Sergio Rodriguez sorpassa con la sua terza tripla. Il Bayern torna a meno uno con due liberi di Baldwin e sorpassa con due di Gist. A 1.2 secondi dalla fine la rimessa di Delaney genera il canestro della vittoria 79-78 di Zach LeDay.

GARA 2 – Il Bayern parte 5-0, ma poi l’Olimpia piazza un parziale di 20-0 che indirizza la gara. Kevin Punter segna 20 punti di cui 17 nel primo tempo e all’intervallo il divario è di 18 punti. Con una prova più intensa, nella ripresa, il Bayern con 23 punti di Wade Baldwin, torna fino a meno sei. L’Olimpia risponde con un canestro di Shields e poi allunga a più 17 all’inizio del quarto periodo controllando la gara verso l’80-69 conclusivo.

 

SERIES NOTES – Kevin Punter sta segnando 15.5 punti di media, ottavo nei playoff, secondo nella serie dietro ai 16.5 di Wade Baldwin, che è primo assoluto nei falli subiti, 8.0 per gara, e ha anche 5.0 assist a partita. Zach LeDay, quarto nei playoff per valutazione, è terzo nei rimbalzi con 7.0 per gara, mezzo rimbalzo davanti a Kyle Hines. LeDay e Vladimir Lucic con 32.2 minuti di media sono stati i due giocatori più utilizzati finora.

PLAYERS NOTES – Kevin Punter ha avuto una palla rubata in nove delle ultime 10 partite e ha centrato 37 degli ultimi 38 tiri liberi tentati. Inoltre, ha segnato almeno 11 punti in nove delle ultime dieci gare. Vlado Micov dopo aver superato quota 700 rimbalzi in carriera è adesso a meno due dai 300 in maglia Olimpia. Shavon Shields ha segnato in doppia cifra in 13 delle ultime 14 presenze ed è a 20 punti dai 1.000 in carriera e a due triple dalle 100. Sergio Rodriguez è a 10 assist di distanza dai 1.400 in carriera, a tre dai 300 in maglia Olimpia, e a 12 triple dalle 500 in carriera. Si trova anche a meno 22 punti dai 700 in maglia Olimpia. Zach LeDay ha una striscia di 20 tiri liberi a segno, il 9/9 di Gara 1 è stato la sua seconda prestazione dalla linea dopo il 12/12 della partita di Milano con il CSKA Mosca. Kyle Hines è a 16 punti di distanza da Marcus Brown come miglior realizzatore americano nella storia dell’EuroLeague. Ha segnato 2.723 punti contro 2.739.

Fonte: Ufficio Stampa Olimpia Milano.

Commenta