Mike Malone: Spero che Barton resti. Bello lavorare con gente come Jokic

Mike Malone: Spero che Barton resti. Bello lavorare con gente come Jokic

Conferenza stampa di fine stagione per Michael Malone in casa Denver Nuggets

Conferenza stampa di fine stagione per Michael Malone in casa Denver Nuggets. Ecco le dichiarazioni più importanti secondo denverpost.com.

SULLA PLAYER OPTION DA $14.6 MILIONI DI WILL BARTON

«Mi piacerebbe che Will Barton tornasse. Per tutto quello che porta alla squadra. In campo, fuori dal campo, negli spogliatoi, da un punto di vista culturale. … Significa molto per me. Significa molto per questa squadra e per tutto ciò che siamo stati in grado di realizzare negli ultimi sei anni. … Io, personalmente, spero che resti qui per molto tempo ».

SU WES UNSELD JR., SUO ASSISTENTE CERCATO DA MAGIC E WIZARDS

«Wes Unseld probabilmente non ha abbastanza credito, secondo me, perché ovviamente lo conosco, è nel mio staff ormai da sei anni. …. Ho contattato diverse persone, cercando di pomparlo davvero perché non sa pubblicizzarsi da solo. Questa è una cosa che amo di Wes, ma vorrei anche che a volte fosse più un autopromotore perché è contento di fare solo il suo lavoro, farlo molto bene e lasciare che i risultati parlino da soli. E sfortunatamente, tra i nomi caldi quello di Wes non c’è mai. Ho la sensazione che quest’estate cambierà. Sarebbe una perdita enorme per me, ma non potrei essere più felice per Wes… Ha più che pagato i suoi debiti…».

SUL POST SUNS DI JOKIC

«Ehi coach, prima che tu te ne vada, scendo di sotto e ci prendiamo una birra insieme.’ Alla fine abbiamo parlato per due ore. Della stagione, dell’estate, dei suoi cavalli, di tutto. … Non conosco molti proprietari come Josh Kroenke. Josh Kroenke era lì con me e Nikola… per due ore dopo essere stato eliminato al secondo turno. Quando sono tornato a casa quella sera, ho detto: “Amico, abbiamo un set davvero unico qui”. Siamo tutti delusi di aver perso, nessuno era felice. … Ma per avere un proprietario e un MVP che sono così con i piedi per terra e impegnati a fare tutto il necessario per essere migliori e trovare modi per vincere un campionato, quelle due ore sono state così importanti. Ho scherzato con Nikola, ‘Ehi, verrò (in Serbia) presto.’ Lui dice: ‘Coach, puoi venire, ma non mi troverai».

Commenta