Mauro Ferrari e Franco Dusina insigniti con l’Ordine al Merito della Repubblica Italiana

Mauro Ferrari e Franco Dusina insigniti con l’Ordine al Merito della Repubblica Italiana

Importante riconoscimento per il proprietario e il vice-presidente della Germani Brescia

Nella lista delle personalità che il prossimo 2 giugno saranno insignite con le Onorificenze al Merito della Repubblica Italiana da parte del presidente della Repubblica e della presidenza del Consiglio dei Ministri ci sono anche i nomi di Mauro Ferrari, Amministratore Delegato di Germani Spa e proprietario di Pallacanestro Brescia, e di Franco Dusina, presidente di Centrale del Latte di Brescia e vice-presidente di Pallacanestro Brescia.

“Condividendo il pensiero di tutte le componenti di Pallacanestro Brescia, desidero congratularmi con Mauro Ferrari e Franco Dusina per il prestigioso riconoscimento di cui sono stati insigniti – afferma Graziella Bragaglio, presidente di Pallacanestro Brescia -. Si tratta di un atto che rende merito a entrambi come persone e come imprenditori, sempre dediti a tenere in alto il nome della città di Brescia attraverso la propria attività e capaci di investire nello sport in maniera importante, considerandolo come strumento essenziale di integrazione e coesione sociale”.

L’Ordine al Merito della Repubblica Italiana è stato istituito nel 1951 ed è destinato a ricompensare benemerenze acquisite verso la Nazione nel campo delle lettere, delle arti, della economia e nel disimpegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici ed umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari.

Nella lista di coloro che saranno insigniti di questo prestigioso riconoscimento ci sono 133 persone nati nella provincia bresciana: 124 cavalieri, 2 Grandi Ufficiali, 3 Commendatori e 4 Ufficiali. I nuovi appartenenti all’Ordine al Merito della Repubblica Italiana saranno premiati il prossimo 2 giugno nel cortile di Palazzo Broletto, sede della prefettura di Brescia.

Fonte: Ufficio stampa Brescia.

Commenta