Luca Vildoza e l’operazione al piede destro: così si è infranto il suo sogno NBA

Luca Vildoza e l’operazione al piede destro: così si è infranto il suo sogno NBA

«Questa uscita dalla NBA è solo un arrivederci. Farò del mio meglio per tornare»

Luca Vildoza è innegabilmente uno dei nomi caldi del mercato europeo, e non solo. Classe 1995 di Quilmes, Argentina, il play è arrivato nel 2016 al Baskonia conquistando la ACB del 2020 da mvp delle finali.

Siglato nel marzo 2019 un contratto con escape NBA con il Baskonia sino al 2024, il 6 maggio firma con i New York Knicks tentando la carta più importante della sua carriera. Per lui un quadriennale da 13.6 milioni di dollari.

Tuttavia il 3 ottobre la franchigia annuncia la rinuncia al giocatore, che non avendo mai esordito vede annullarsi il contratto. Lo spiega Bobby Marks:

Poche ore dopo, Luca Vildoza ufficializza la sua situazione sui social: «Voglio dirvi che finalmente oggi mi sono operato al piede destro, che sto bene e che appena i medici lo permetteranno, comincerò a lavorare per tornare in campo. Sono tranquillo. Ho avuto mesi difficili».

Si muove anche David Carro Funes, CEO di Octagon Europe e agente del giocatore.

Il giocatore spiega ancora meglio la vicenda: «Mi porto questo infortunio da prima dei Giochi di Tokyo e ho sempre cercato di andare avanti, ma a un certo punto non ce la facevo più. Il dolore era molto intenso e costante. Ecco perché ho preso questa decisione con la mia famiglia e la mia ragazza cercando il meglio per la mia salute e il mio futuro».

E c’è anche il ringraziamento ai Knicks: «sono stati fantastici con me. Questa uscita dalla NBA è solo un arrivederci. Farò del mio meglio per tornare, da domani. È il mio sogno e lo inseguirò finché posso».

Commenta