Luca Baraldi: Andare in EuroLeague sul piano economico è un dramma. Azzererei i vertici

Credits Ciamillo-Castoria
Credits Ciamillo-Castoria

Luca Baraldi, CEO della Virtus Segafredo Bologna, sul via della stagione: Positivo, è il quinto successo del nostro ciclo

Luca Baraldi, CEO della Virtus Segafredo Bologna, a tutto campo con Luca Muleo del Corriere dello Sport, Luca Aquino del Corriere di Bologna, Walter Fuochi di Repubblica-Bologna e Massimo Selleri del Carlino.

SUL BILANCIO DI INIZIO STAGIONE

«Positivo, la Supercoppa è il quinto successo del nostro ciclo. Abbiamo avuto un ottobre nero con gli infortuni, il vero Mannion lo vedremo nella seconda parte. Eppure siamo in linea con gli obiettivi. Il mese terribile ci è servito a capire i difetti, tecnici e caratteriali di un gruppo giovane».

SU EUROLEAGUE

«La diatriba tra Eurolega e Fiba sfianca il basket. Sarebbe importante unissero gli sforzi, avere una competizione unica. Più che colpevoli, cercherei chi è in grado di ricomporre la frattura. Andare in Eurolega oggi sul piano economico è un dramma. Fosse per me azzererei i vertici, ricomincerei con altri ma non conoscendoli non mi permetto di fare questi ragionamenti. Ho grande stima di Bertomeu, condividevo al 100% tutti i progetti di cui ci aveva parlato prima di essere sfiduciato per motivi che non conosco. Ora andrebbero individuati volti nuovi».

«L’ideale sarebbe un’Eurolega sotto l’egida Fiba».

 

Commenta