Lorenzo Piccin: Kobe il mio idolo. A Treviso cerco di “rubare” sempre qualcosa a Logan e Imbrò

Foto Ciamillo
Foto Ciamillo

Le parole del 19enne della De' Longhi Treviso: Ho capito che bisogna lavorare sul proprio fisico per migliorare sempre più dando ciò che chiede il coach

Lorenzo Piccin, giocatore classe 2002 della De’ Longhi Treviso, ha finora collezionato 5 presenze e 31 minuti in campionato.

Il 19enne ha parlato con La Tribuna di Treviso della sua stagione e del suo futuro.

“Meno spazio con Lockett? “Non è questa la mia priorità, a me interessa che la squadra vada bene e che riesca a vincere il maggior numero di partite. Se poi ci sarà spazio anche per me spero di farmi trovare pronto e non far pentire chi mi dice di entrare.”

“31 minuti in Serie A? Io che sono giovane, la differenza l’ho sentita, per cui ho capito che bisogna lavorare sul proprio fisico per migliorare sempre più dando ciò che chiede il coach”.

“Idolo? Il mio idolo è sempre stato Kobe Bryant, però come lui non ce n’è nessuno, quindi scelgo uno fra David Logan e Matteo Imbrò, ai quali cerco sempre di rubare qualcosa”.

Commenta