Le pagelle di Sportando | Olimpia Milano: la resurrezione del Chacho, Datome reale mvp

Le pagelle di Sportando | Olimpia Milano: la resurrezione del Chacho, Datome reale mvp

Le pagelle di Olimpia Milano dopo il trionfo nella Supercoppa 2020

Punter 8 – Partenza assatanata, come di consuetudine, fase centrale di gara complicata, un paio di buone scelte nel finale, e tanta attenzione difensiva. In anticipo sulla palla sta crescendo gara dopo gara.

Moretti ne

Micov sv – Esce dopo 4’

Moraschini 6 – Solita attenzione, ma in un attacco che non gira si prende qualche responsabilità di troppo.

Rodriguez 9 – Supercoppa difficile, final four da dimenticare per 38’. Poi si prende il trofeo con una tripla in isolamento. Questo significa essere un campione. Questo significa essere il Chacho.

Tarczewski 6 – In difficoltà fisica, Messina lo azzarda ancora al posto di LeDay e non ricava grossi dividenti. Comunque 6 punti e 4 rimbalzi in 14’

Biligha ne

Cinciarini 6 – Quando serve, per dare equilibrio ormai solo in difesa, il capitano c’è sempre. Alza la sua quarta Supercoppa.

Delaney 8 – Avvio importante, poi il problema al ginocchio e un secondo tempo senza segnare, anche dalla lunetta. Il suo resta comunque un contributo fondamentale per il punteggio finale.

Brooks 6 – Quando c’è da lottare la sua risposta è sempre intermittente. In 13’ 3 rimbalzi, perchè serve Datome.

Hines 8.5 – 9 punti, 3 rimbalzi, 2 stoppate, 3 recuperi. Un anno fa Bologna giocava duro, e nessun uomo Olimpia era in grado di rispondere nel pitturato. Sino ad oggi.

Datome 9 – Reale mvp di questa finale. Chirurgico con 5 punti a respingere il rientro più convinto della Virtus, chiude con 17 e 6 in 27’.

Coach Messina 8 – Primo trofeo in biancorosso. Preferisce Tarczewski a LeDay e Shields a Micov, perdendo il serbo dopo pochi minuti. Scelte sfortunate, ma in campo resta una squadra che ha armi pur segnando 30 punti in un tempo. Quel che cerca. Quel che vuole.

Commenta