Una straordinaria Pesaro vince a Venezia trascinata da Filipovity, Massenat e Cain

Una straordinaria Pesaro vince a Venezia trascinata da Filipovity, Massenat e Cain

Pesaro gioca una clamorosa partita con Venezia. La squadra di Repesa vince 90-72: era dal 2016 che la VL non vinceva al Taliercio.

Pesaro gioca una partita straordinaria contro Venezia sbancando il Taliercio per 90-72, La squadra di Repesa domina quella di De Raffaele trovando così la prima vittoria stagionale in campionato. I grandi protagonisti della vittoria pesarese sono Frantz Massenat autore di 22 punti, Marko Filipovity che piazza una doppia-doppia da 23 e 10 rimbalzi così come Tyler Cain 11+10 rimbalzi. Notevole il 13/27 da oltre l’arco con cui i biancorossi tramortiscono la Reyer. Venezia al contrario tira un pessimo 7/28.

Alla palla a due la squadra di Walter De Raffaele schiera questo starting five: De Nicolao nel ruolo di play, Tonut e Chappell sono gli esterni e come consuetudine Mazzola insieme Watt i due lunghi. Coach Jasmin Repesa guida i suoi mandando sul parquet: Robinson e Tambone come guardie, Drell e Filipovity nello spot di ali e sotto i tabelloni il solito Tyler Cain.

Primo periodo.

Il primi puniti della partita li mette a segno Tonut con una tripla dell’angolo. Pesaro cerca fin da subito il gioco vicino canestro costringendo in un amen Watt a due falli. Poco importa perché i padroni di casa allungano sul 8-4 proprio con Watt. La squadra di Repesa impatta con i punti di Tambone e Cain. De Raffaele inserisce Daye che mette la tripla del 15-8 lagunare, ma Massenat e compagni replicano con un mini-break di 4-0 a cui risponde Fotu con quattro punti filati per il 19-12. Ancora Fotu, su servizio di Casarin, mette i punti del 23-14 al 9’. Il primo quarto di chiude con la tripla, in transizione di Filipovty sul 23-19.

Secondo periodo.

La VL parte meglio e con un paio di spunti di Massenat e Robinson tornando ad una solo lunghezza di svantaggio, 25-24 al 12’. Gli ospiti trovano il loro primo vantaggio con il canestro dell’ottimo Filipovity. La Reyer è soprattutto Stefano Tonut: la guardia orogranta sigla punti a ripetizione portando nuovamente avanti i suoi 32-30 al 15’. Il match continua a vivere sul filo dell’equilibrio, nel finale ì biancorossi si affidano ancora una volta alle triple di Filipovity e al talento di Drell concludendo avanti 41-38 alla fine del primo tempo.

Terzo periodo.

Pronti via e Massenat piazza due bombe per il +7 pesarese. Pesaro gioca un’ottima pallacanestro: grande circolazione di palla e con Tambone trova la tripla del +10, 52-42 al 24’, ma non è finita perché Filipovity mette l’ennesima tripla per il nuovo massimo vantaggio ospite, 55-44. Venezia si affida al suo vice capitano: due triple consecutive di De Nicolao ridanno ossigeno ai lagunari. De Raffaele si affida alla zona difensiva e riesce a recuperare altri punti importanti tornando sul -6, ma Tambone è una sentenza dalla distanza mette i punti del 64-55 al termine del terzo quarto.

Quarto periodo.

Gli orogranata si affidano ancora una volta a Stefano Tonut, ma Pesaro continua con la pioggia di triple: questa volta tocca a Filloy che piazza il 72-59 ospite al 34’. Venezia sbaglia troppi tiri aperti e dall’altra parte Cain fa la voce grossa siglando 4 punti consecutivi. Gli ultimi minuti gli uomini di Repesa amministrano i vantaggio, Venezia prova un’ultima reazione, ma Massenat con un gioco da 4 punti manda i titoli di coda del match. Finale 72-90.

 

Commenta