I Lakers chiedono giustizia per Breonna Taylor. LeBron: Uccisa una donna e nessuno è stato arrestato

I Lakers col cappellino spesso usato da Trump ma con le parole "Great Again" cancellate e sostituite da Arrest The Cops Who Killed Breonna Taylor”

I Los Angeles Lakers si sono presentati a Gara 1 della serie contro i Portland Trail Blazers con un cappello rosso con su scritto Make America Great Again, spesso usato anche da Donald Trump.
Solo che nel caso dei Lakers, le parole “Great Again” sono state cancellate ed è stato aggiunto “Arrest The Cops Who Killed Breonna Taylor” (“Arrestate i poliziotti che hanno ucciso Breonna Taylor”).

“Questo è un argomento per cui teniamo il piede sull’acceleratore, su cui continuiamo a fare pressione” ha detto LeBron James dopo la partita. “Sapete quello che è successo a Louisville, Kentucky. Breonna Taylor, una donna innocente, è stata uccisa. Una donna che aveva un futuro luminoso davanti a sé ma che gli è stato tolto. E nessuno è stato arrestato. Non c’è stata giustizia. Non solo per lei ma anche per la sua famiglia. E noi continueremo a fare luce sulla situazione, perché è semplicemente ingiusto” ha aggiunto Lebron.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Justice for Breonna Taylor

Un post condiviso da Los Angeles Lakers (@lakers) in data:

Questa la storia da Wikipedia, La morte di Breonna Taylor è avvenuta a Louisville il 13 marzo 2020 a seguito di una sparatoria da parte di tre agenti del dipartimento di polizia locale, che stavano effettuando una perquisizione nella sua abitazione.

Intorno alla mezzanotte nella notte tra il 12 e il 13 marzo 2020 tre agenti del dipartimento di polizia metropolitana di Louisville (LMPD), Jonathan Mattingly, Brett Hankison e Myles Cosgrove, fecero irruzione per mezzo di un ariete in un appartamento di Louisville nell’ambito di un’indagine sul traffico di droga. Nell’appartamento in questione vivevano Breonna Taylor (una soccorritrice), e il fidanzato Kenneth Walker. Gli agenti avevano infatti visto un sospettato, già arrestato e domiciliato altrove, recapitare un pacco presso l’appartamento di Taylor e Walker, ragione sufficiente per ottenere un mandato di perquisizione senza l’obbligo per gli esecutori di bussare e identificarsi.

La dinamica dell’irruzione è poco chiara: secondo la polizia gli ufficiali erano entrati con la forza nell’appartamento dopo essersi identificati e aver bussato diverse volte senza risposta, mentre i vicini della coppia e la famiglia Taylor sostengono che la polizia sia entrata senza alcun avvertimento, costringendo Walker ad armarsi per autodifesa, arma detenuta legalmente. All’ingresso degli agenti Walker ha sparato per primo, ferendo uno degli uomini alla gamba; in risposta gli agenti hanno sparato a loro volta alla cieca, secondo le dichiarazioni dei testimoni oculari. Taylor, che si trovava in camera da letto, fu colpita otto volte e dichiarata morta sul colpo. Nell’appartamento non esistevano sostanze illegali di alcun genere.

Inizialmente Walker è stato fermato e arrestato con le accuse di aggressione di primo grado e tentato omicidio.
Dopo un paio di mesi l’attenzione sulla vicenda è stata richiamata dalla senatrice [democratica] Kamala Harris , che ha richiesto l’apertura di un’indagine indipendente condotta dal Federal Bureau of Investigation .
Non sono state trovate sostanze illegali nell’appartamento. Il poliziotto che ha sparato 10 colpi alla cieca è stato licenziato. I “no-knock warrants”, ovvero le irruzioni della polizia senza annunciarsi e bussare, sono state rese illegali dalla città di Louisville.

La settimana scorsa Lonita Baker, avvocato della famiglia Taylor, si è incontrata con il procuratore generale del Kentucky, Daniel Cameron.

“Non aspetteremo per sempre. Vogliamo che questo caso venga risolto velocemente ed accuratamente” ha detto al Washington Post.

Commenta