La Provincia di Como: la Fortitudo non versa i €100k di buyout, Procida rimane a Cantù

Foto Ciamillo
Foto Ciamillo

Procida per ora rimane a Cantù. Una soluzione ora potrebbe essere il prestito dato che il ragazzo ha fatto sapere di non volere rimanere nel club brianzolo

La Provincia di Como scrive che Gabriele Procida non è uscito dal contratto con la Pallacanestro Cantù entro i termini del 30 giugno, ultimo giorno per avvalersi dell’uscita.

Sulla carta Gabriele Procida rimane un giocatore di Cantù ma quasi certamente andrà via da club brianzolo, forse in prestito.

La rescissione del contratto non è avvenuta perché, sempre secondo La Provincia di Como, la Fortitudo Bologna, che sembrava avere un accordo in mano, non ha versato i 100.000 euro di buyout perché li ritiene fuori portata.

Una cifra del genere è ritenuta troppo onerosa, un rischio troppo alto per un diciannovenne di prospettiva, aggiunge il quotidiano ricordando un precedente, quello di Awudu Abass, fortemente voluto da Milano, che pagò la clausola rescissoria entro i termini stabiliti e firmò l’azzurro.

Il giocatore quindi rimane sotto contratto con Cantù a cui ha già fatto sapere di volere andare via.

Uno scenario possibile è quello del prestito.

Questo scrive sempre La Provincia.

“Un’operazione che potrebbe, tra un anno, essere più redditizia per tutti. Se Procida, andando al draft del 2022, dovesse strappare un contratto in NBA, la clausola di uscita sarebbe superiore ai 100.000 euro”.

Commenta