I “Guerrieri della Strada”: il racconto delle sette trasferte europee dell’Olimpia Milano

Foto Ciamillo
Foto Ciamillo

I “Guerrieri della Strada”, “The Road Warriors”, hanno vinto sette partite in trasferta in questa EuroLeague di cui quattro consecutive, le due di Istanbul, poi Madrid e Berlino

I “Guerrieri della Strada”, “The Road Warriors”, hanno vinto sette partite in trasferta in questa EuroLeague di cui quattro consecutive, le due di Istanbul, poi Madrid e Berlino. Aggiungendo i successi di Tel Aviv e Mosca-Khimki, il totale fa cinque vittorie nelle ultime sei gare esterne, unica sconfitta maturata a Barcellona, partita condotta in modo autoritario fino a tre minuti dalla fine.

2 ottobre 2020, Monaco di Baviera: Bayern-Olimpia 78-81

E’ stata la prima delle tre gare stagionali risolte dopo un tempo supplementare. L’Olimpia ha vinto le due giocate fuori casa, ha perso a Milano contro il CSKA. Quella di Monaco è stata un’autentica battaglia, che ovviamente poteva favorire una squadra o l’altra. Alla fine, ha deciso la tripla di Shavon Shields a nove secondi dalla fine, poi l’Olimpia ha protetto il risultato con l’ultima difesa.

26 novembre 2020, Tel Aviv: Maccabi-Olimpia 85-86

Anche la seconda vittoria è maturata dopo un tempo supplementare. Gli atti eroici sono stati numerosi, due spiccano in particolare ovvero il gioco da quattro punti di Kevin Punter che ha pareggiato la gara nei tempi regolamentari e poi il jumper di Malcolm Delaney sopra Scottie Wilbekin con il quale la partita è stata chiusa. E’ stata una vittoria di prestigio, perché l’ultimo successo dell’Olimpia a Tel Aviv era stato conseguito nel 1987.

8 dicembre 2020, Mosca: Khimki-Olimpia 93-102

E’ stata la prima vittoria relativamente poco sofferta del “Settebello” biancorosso, costruita sulla prova da 10/11 dal campo di Shavon Shields. Ancora più rilevante che abbia sbagliato l’ultimo tiro dopo aver messo tutti i primi dieci con i quali Milano ha costruito il proprio vantaggio. L’Olimpia ha segnato 102 punti, record di club in trasferta per una partita vinta nei tempi regolamentari.

15 dicembre 2020, Istanbul: Fenerbahce-Olimpia 71-79

Era il “Gigi Datome Day” e il numero 70 ha risposto adeguatamente giocando una partita da consumato leader, oltre i 10 punti in 22 minuti prodotti. L’Olimpia ha dominato la gara fuggendo a più venti alla fine del terzo proprio con una bomba di Datome. Poi nell’ultimo quarto il Fenerbahce ha ridotto lo scarto.

17 dicembre 2020, Istanbul: Anadolu Efes-Olimpia 79-82

L’Olimpia vince a Istanbul contro l’Efes per la prima volta nella sua storia, ma in modo molto inusuale, costruendo un vantaggio sorprendente, 15 punti, all’intervallo, salvo farsi assalire dall’Efes nella ripresa, andare sotto anche di sei punti nel quarto conclusivo per poi rispondere con un finale dominante che ha avuto tanti protagonisti, Kyle Hines in difesa, Kevin Punter e Sergio Rodriguez in attacco.

8 gennaio 2021, Madrid: Real Madrid-Olimpia 76-80

Nella storia dell’EuroLeague (o della Coppa dei Campioni), l’Olimpia non aveva mai vinto a Madrid. L’ha fatto per celebrare al meglio il nuovo anno, con una prestazione di mostruosa intensità e attenzione, a dispetto dell’assenza all’ultimo momento di Shavon Shields, il giocatore più utilizzato della squadra fino a quel momento. E’ stata una prova da 31 complessivi dei due playmaker, Rodriguez e Delaney, e da 4/4 dal campo per il chirurgico Gigi Datome.

14 gennaio 2021, Berlino: Alba Berlino-Olimpia 70-84

Dopo un primo quarto complicato, l’Olimpia entra in ritmo e domina la partita portandola in fondo con autorità e personalità, festeggiando nel migliore dei modi le 300 presenze in EuroLeague di un Kyle Hines in versione all-around, 13 punti, cinque rimbalzi e cinque assist. Ci sono anche 28 assist di squadra di cui 14 equamente divisi ancora dai due playmaker.

Fonte: Ufficio Stampa Olimpia Milano.

Commenta