Houston Rockets-John Wall, fumata grigia dopo l’ultimo incontro. Il giocatore resta in tribuna

La vicenda di John Wall in casa Houston Rockets registra passi avanti, costanti ma ancora non sostanziali. Il giocatore resta fuori dalle rotazioni in attesa di trade

La vicenda di John Wall in casa Houston Rockets registra passi avanti, costanti ma ancora non sostanziali. Il giocatore è ancora fuori dalle rotazioni in attesa di trade.

La vicenda, raccontata da Adrian Wojnarowski, parla di un contatto tra il giocatore, il GM Rafael Stone e il coach Stephen Silas. Si è parlato della volontà di Wall di tornare a disposizione, ma senza un accordo definitivo che sbloccasse la situazione.

Nell’analisi di Shams Charania su The Athletic la situazione viene confermata. Ecco alcuni punti cronologici della vicenda:

– I Rockets in off-season hanno comunicato al giocatore che il suo status passava a riserva, e con l’agente Rich Paul si è dunque iniziato a sondare il mercato, senza risultati;
– I Rockets, durante la free agency, hanno sempre riferito ai vari giocatori incontrati che Wall sarebbe stato una riserva;
– Wall vuole tornare in quintetto e giocarsi le sue carte per difendere la posizione, i Rockets nella loro controproposta parlano di partenza dalla panchina;
– L’incontro si è concluso con la permanenza di Wall fuori dalle rotazioni, pur restando al seguito della squadra.

Queste le opzioni che restano sul tavolo:
– Houston lavora al reintegro di Wall vista l’assenza di credibili prospettive di mercato;
– Houston taglia il giocatore studiando una clausola d’uscita che porti al risparmio sui prossimi due anni di contratto, ma con una significativa cifra di “dead money”;
– Wall resta al seguito della squadra, su cui avrebbe un’influenza positiva, ma senza giocare;
– I Rockets dicono no alle richieste di Wall, lo rimandano a casa continuando a pagare lo stipendio.

Commenta