Hines e l’aneddoto su Trinchieri: Lo incontrai a Las Vegas nel ’08, mi invitò a cena…da McDonald’s

Foto Ciamillo
Foto Ciamillo

Hines: Bayern? Una buona squadra e un equilibrato assortimento. Contro gente così è sempre difficile. Ma la stagione regolare conta fino a un certo punto. Nei playoff è tutta un’altra storia

Kyle Hines proverà a guidare l’Olimpia Milano alla Final Four di EuroLeague, competizione che lui ha vinto per ben quattro volte.

Queste le parole del lungo Olimpia ad Antonio Castaldo de Il Corriere della Sera.

Incontro con Trinchieri.

“Ho incontrato coach Trinchieri nel 2008 a Las Vegas. M’invitò a cena da McDonald’s, per me fu un po’ strano. Mi aspettavo un ristorante di classe, avrei dovuto firmare il mio primo contratto. Invece ci ritrovammo davanti a un cheeseburger a discutere del Veroli Basket, la sua squadra. E fu convincente, mi trasferì tutta la sua energia” ha detto Hines.

Sfida al Bayern.

“Sono tosti, atletici, esplosivi. Baldwin è un top player, Lucic un giocatore versatile, Reynolds un ottimo rimbalzista offensivo. Una buona squadra e un equilibrato assortimento. Contro gente così è sempre difficile. Ma la stagione regolare conta fino a un certo punto. Nei playoff è tutta un’altra storia”.

Scelta di Milano.

“Conoscevo ilcoach dai tempi del Cska. Quando mi ha chiamato e mi ha spiegato il progetto, riportare un glorioso club come l’Olimpia in alto in Europa, mi ha coinvolto e motivato. Ho capito subito che per me sarebbe stata un’opportunità”.

Commenta