Hackett: In Russia la gente comune non vuole questa guerra, il 90% del popolo è contro

Credit: Ciamillo & Castoria
Credit: Ciamillo & Castoria

Hackett ha giocato per 3 anni e mezzo a Mosca

Daniel Hackett, playmaker della Segafredo Virtus Bologna, durante una lunga intervista con Sportweek tocca anche l’argomento guerra.

“Il mio primo pensiero è stato simile a quando è scoppiata la pandemia. Ho pensato che tutto si sarebbe fermato di nuovo…Speravo che la nostra stagione sarebbe andata avanti, ma quando la decisione dell’Eurolega è diventata ufficiale, tutto è cambiato. I miei compagni di squadra stranieri hanno lasciato la squadra. Io sono stato l’ultimo ad andarsene, ma era arrivato il momento di cambiare. Nessuno all’interno del club voleva che questo accadesse. Sono abbastanza sicuro che il 90% del popolo russo è contro la guerra. Purtroppo, lì si vive sotto una dittatura che ora si è mostrata in tutta la sua forza e ovvietà.”

“Non permettono il dissenso o la libera circolazione delle idee. Lo abbiamo visto la prima notte dopo l’inizio della guerra. Solo nella Piazza Rossa, più di 2000 persone sono state arrestate…È davvero difficile per me comprendere  cosa c’è nella mente di Putin…Non condivide emozioni o sentimenti, figuriamoci i suoi pensieri. Non so quali ragioni ci siano dietro questa guerra, ma la gente sta morendo, e nel 2022, mi sembra assurdo che la gente debba morire a causa di alcuni ‘conflitti’ tra paesi”.

“Sono sicuro di una cosa, però: in Russia, la gente comune non vuole questa guerra. Il vero problema è quello che mostrano a quel popolo, facendogli credere cose lontane dalla verità. Molte persone sanno di vivere in una dittatura, lo accettano perché non hanno altra scelta”.

 

Commenta