Grazie di tutto coach Calgaro, l’UBP affida la panchina ad Alberto Garon

Grazie di tutto coach Calgaro, l’UBP affida la panchina ad Alberto Garon

L’Unione Basket Padova comunica di aver preso una decisione sofferta - ma necessaria in questa fase così delicata della stagione -, sollevando dall’incarico di head coach Giuliano Calgaro

L’Unione Basket Padova comunica di aver preso una decisione sofferta – ma necessaria in questa fase così delicata della stagione -, sollevando dall’incarico di head coach Giuliano Calgaro. In vista delle ultime quattro partite di regular season del campionato di Serie B Old Wild West, la squadra verrà guidata dal vice-allenatore Alberto Garon, supportato dagli assistenti Marco Mainente e Marco Turi. Coach Garon risulta in quota alla prima squadra UBP nelle vesti di primo assistente dall’annata 2018/2019 e quest’anno ha avuto modo di debuttare come prima guida del Guerriero nella sfida casalinga contro Cividale e successivamente in occasione del match vinto a Senigallia.

«Preferiamo non utilizzare il termine esonero», precisa Antonio Vendraminelli, presidente dell’Unione Basket Padova, «Per tutta la società è stata una sofferenza interrompere il rapporto con Giuliano Calgaro. Ecco perché non vogliamo leggere questa scelta come un esonero, ma come un tentativo di dare una scossa alla squadra che abbiamo visto abulica in tutti i suoi giocatori più importanti contro Giulianova. A quattro gare dal termine della seconda fase ritenevamo inutile cercare un altro allenatore: abbiamo optato per la linea della continuità dando in mano la squadra ad Alberto Garon che conosce già molto bene il gruppo e l’ambiente. I ragazzi sanno cosa devono fare: coach Calgaro gli ha trasmesso tutti gli “strumenti” per scendere in campo ed essere competitivi. Mercoledì prossimo affronteremo una partita decisiva a Teramo. Abbiamo due giorni davanti per lavorare duro e prepararci per questo impegno. Ci aspettiamo tutti che il Guerriero dimostri il suo spirito battagliero».

L’UBP ringrazia Calgaro per il prezioso lavoro svolto nell’ultimo anno e mezzo, ovvero da quando ha assunto il timone del Guerriero Padova portandolo a inizio 2020 fino al primo posto in C Gold, che ha materializzato poi l’opportunità di avanzare richiesta per l’ammissione in Serie B. «Voglio anch’io ringraziare l’Unione Basket Padova per la possibilità che mi è stata concessa e tutti coloro che mi hanno accompagnato in questa avventura», sottolinea il tecnico vicentino, «Ho trovato un gruppo bellissimo, formato da giocatori super. Ho accettato serenamente la decisione della società perché condivido la volontà di scuotere la squadra in un momento così difficile. Credo che il Guerriero abbia ancora la possibilità di farcela. Mi resta il rammarico di aver partecipato a un campionato condizionato dal Covid, in cui comunque lo stesso gruppo di giocatori, che aveva conquistato la prima posizione in C Gold, è rimasto unito e compatto dando sempre il massimo».

Commenta