Gracis: Il rinvio ci ha lasciati delusi e amareggiati. Capisco la frustrazione dei nostri ragazzi

Foto Ciamillo
Foto Ciamillo

Le parole del dirigente di Treviso dopo l'ennesimo rinvio per la squadra

Andrea Gracis, DS della De’Longhi Treviso, ha commentato la seconda partita rinviata in fila della squadra trevigiana.

La sfida con la Unahotels Reggio Emilia è stata infatti rinviata per le 11 positività al covid nella squadra reggiana.

Gracis ne ha parlato a La Tribuna di Treviso.

“Eravamo partiti sabato sera per Casalecchio di Reno sperando di poter finalmente giocare. Abbiamo ricevuto la prima avvisaglia di quanto stava accadendo ma avevamo ancora qualche speranza, tant’è vero che siamo rimasti in loco e che alle 10 la squadra ha effettuato la consueta seduta di tiro prepartita all’Unipol Arena. Mentre stavamo mangiando abbiamo avuto la comunicazione che ci ha lasciato delusi e amareggiati”.

“Non nascondo le difficoltà specie nel mantenere la concentrazione. È la seconda partita che viene spostata, sono ormai due settimane che non si gioca e i ragazzi ne risentono. Capisco la loro frustrazione, anche perché si continua a svolgere un lavoro intenso, ad allenarsi duramente preparando le gare della domenica. Dover vanificare quanto fatto in precedenza è frustrante.

“Ora ci concentreremo solo sulla Fortitudo, non pensando a nulla che possa distrarci. La situazione è particolare, lo sappiamo bene, ma dobbiamo pensare solo alla prossima avversaria. Speriamo che la prossima volta ci sia consentito di giocare”.

Commenta