Gli Harlem Globetrotters vogliono diventare una franchigia NBA: Basket popolare anche grazie a noi

Credit: Ciamillo & Castoria
Credit: Ciamillo & Castoria

I Globetrotters: Cara NBA, hai giocato in 17 paesi. Noi abbiamo giocato in 122. Abbiamo portato il basket sulla scena mondiale. Non si può negare che senza di noi il basket non sarebbe quello che è oggi

Tramite una lettera aperta inviata alla NBA, gli Harlem Globetrotters chiedono alla lega la possibilità di far parte del campionato di basket più famoso al mondo.

“Cara NBA,
È passato un po’ di tempo dal nostro ultimo incontro. 72 anni per l’esattezza. Ma ricordiamo ancora quel giorno nel 1949, quando ci siamo scontrati con i Lakers campioni del mondo. E per il secondo anno consecutivo abbiamo vinto.

Eppure, ai tempi, quello era uno spettacolo raro. In gran parte dell’America, i giocatori neri erano stati letteralmente esclusi dal giocare con e contro i giocatori bianchi.

Anche se siamo stati noi, The Original Harlem Globetrotters, a far conoscere il basket di strada. Anche se sono stati i ‘Trotters a rendere popolare il behind the back inside out handle (à la Kyrie), il no look pass (à la LBJ), la schiacciata (à la The Freak), il contropiede (à la Magic), il tiro in sospensione da metà campo (à la Steph) e inventato il gancio da metà campo (à la No One).

La gente dice che è stata quella partita del 1949 a scatenare l’ascesa della NBA. Tre anni dopo che Jackie Robinson aveva infranto la barriera del colore della pelle nel baseball, avete finalmente permesso ai giocatori afroamericani di giocare.

Ma invece di farci entrare, hai preso i nostri giocatori. Il primo giocatore nero a firmare un contratto NBA – Nat Sweetwater Clifton, un Harlem Globetrotter. Il primo uomo di colore a giocare in una partita NBA: Earl Lloyd, un altro Globetrotter. Sebbene fosse difficile vederli andare via, eravamo orgogliosi dei nostri giovani uomini di colore per aver inaugurato un cambiamento così significativo nel gioco.

Abbiamo continuato a riempire le arene e a far crescere il gioco del basket in tutto il mondo. Quando l’NBA ha faticato ad attirare più di qualche migliaio di fan, abbiamo deciso di programmare due incontri con i Globetrotters. Con la successiva crescita sei stata in grado di attirare i migliori giocatori di colore, ma ricordiamo chi ha aiutato la NBA a dare il via a tutto.

Non fraintendeteci, adoriamo ciò che avete fatto di recente e siamo orgogliosi di come i vostri giocatori si stanno impegnando per fare la differenza nelle loro comunità. Ma non si può negare che senza di noi il basket non sarebbe quello che è oggi.

Hai giocato in 17 paesi. Noi abbiamo giocato in 122. Abbiamo portato il basket sulla scena mondiale.

Il mondo non avrebbe mai sentito parlare del Dr. James Naismith, l’inventore del basket, se non fosse stato per i Globetrotters.

Diffondiamo il gioco!

Fatti.

Allora eravamo noi; siamo stati noi a mantenere viva la speranza e il gioco che tutti noi guardiamo, giochiamo e amiamo oggi… vivo.

Congratulazioni per essere cresciuta in un’industria multimiliardaria globale e con enormi accordi con i media. Abbiamo tenuto la testa bassa e ci siamo concentrati su ciò che significa di più per noi: spettacolarità del basket, unire le famiglie e diffondere la gioia del gioco.

Quindi, se credi davvero a quello che hai detto sulla giustizia sociale, tornare alla “normalità” deve avere un aspetto diverso. Non puoi semplicemente comportarti come se noi non esistessimo più. È tempo di correggere i torti e riscrivere la storia. È tempo che l’NBA onori ciò che i Globetrotters hanno fatto per il NOSTRO sport, sia qui negli Stati Uniti che in tutto il mondo.

Sulla base di quanto abbiamo già dimostrato, possiamo schierare una squadra di talento alla pari con i professionisti di oggi e vogliamo avere la possibilità di farlo. In qualità di squadra di basket professionista leggendaria e famosa in tutto il mondo, chiediamo al Commissario Adam Silver, ai governatori dell’NBA e ai poteri incaricati di concedere a The Original Harlem Globetrotters una franchigia NBA. Not now, but right now!”

Harlem Globetrotters

Fonte: Harlem Globetrotters.

Commenta