Germani Basket Brescia, Bonetti e Santoro: E’ strano vivere senza pallacanestro

Germani Basket Brescia, Bonetti e Santoro: E’ strano vivere senza pallacanestro

Queste le parole del Patron Matteo Bonetti e del GM Sandro Santoro.

Nel pomeriggio di oggi la Germani Basket Brescia ha deciso di intrattenere i propri tifosi con il format “Quattro chiacchiere con… Matteo Bonetti e Sandro Santoro”

Il Patron Matteo Bonetti si è espresso cosi:  «E’un momento difficile, che nessuno si sarebbe mai aspettato. Vivere senza la pallacanestro è qualcosa di terribile, perchè e parte integrante della mia vita. Speriamo di poter uscire presto da questa situazione. Lo sport è vita e quindi dobbiamo fare di tutto per preservare questo meraviglioso sport. E’stato giusto fermare tutto perchè la pallacanestro a porte chiuse è qualcosa davvero molto triste. Da medico credo proprio che questa stagione sia terminata e bisognerà capire come poter ripartire perchè ci sono molti aspetti da valutare. Ricordiamoci che lo sport è un bene prezioso. Noi siamo una società compatta e speriamo che tutto questo possa finire. Noi siamo fortunati ad avere una struttura come quella del PalaLeonessa, perchè per esempio ci sono palazzetti come quelli di Venezia, Brindisi e Pistoia in cui non si può giocare nei mesi estivi».

E la Supercoppa? «Non verrà assegnata o bisognerà trovare un format diverso dalle precedenti stagioni.  

«Sono legato a tutti i giocatori che vestono o che hanno vestito la maglia della Leonessa, perchè li considero come miei figli. In questi giorni ho sentito diverse ex Leonessa con cui sono rimasto in contatto. E’una cosa bellissima e devo dire che da dirigente è qualcosa che mi rende orgoglioso. In questi giorni ho rivisto le foto della conferenza stampa di presentazione di David Moss e ne ho trovata una in cui c’è Alessandro Naoni (all’epoca un bambino) e che in quest’annata ha esordito in EuroCup con la nostra maglia. David Moss è un grandissimo capitano». Il legame di Bonetti con i suoi giocatori e con gli ex Germani.

«Vogliamo riconfermare buona parte del gruppo, ma non dipende solo da me. Ieri sia Cain che Lansdowne mi hanno scritto che vogliono rimanere a Brescia. Oggi però non possiamo programmare il futuro, vista la situazione. C’è sempre tante passione qui a Brescia e quindi sempre di più forza Leonessa. L’anno prossimo sarà il quinto anno di A1 e il terzo di EuroCupI miei sogni sono quelli di far sempre di più ogni stagione. In questi anni ci siamo tolti parecchie soddisfazioni e vogliamo continuare a farlo. » – commenta Bonetti.

«Ovviamente fare un bilancio adesso non è semplice, ma indubbiamente tutte le società hanno subito un danno economico importante visti i mancati incassi. Per esempio noi abbiamo giocato in EuroCup la partita più importante in casa contro Venezia a porte chiuse. Sicuramente se si sommano tutti insieme ci sono parecchi milioni di perdite. Bisogna capire anche quante squadre parteciperanno al prossimo campionato». Sullo scenario economico dei club legato all’emergenza Covid -19

 

Il GM Sandro Santoro ha parlato così: «E’difficile pensare a una domenica senza basket, alle settimane senza ufficio ed allenamenti in palestra. Non ci sono grandi novità e vedere cosa succederà nei prossimi quindici giorni, perchè il tempo passa e più è difficile ipotizzare una ripresa del campionato. Per ripartire bisognerà fare diverse valutazioni. Innanzitutto capire come concludere la stagione in corso e decidere quando cominciare con la prossima. Bisogna sempre ringraziare le aziende che ci sostengono. In un momento così difficile, nessuna di loro ci ha fatto mancare nulla ed abbiamo sentito un grande senso di appartenenza»- sul momento attuale

«L’insegnamento migliore è  stato quello di non stravolgere il roster ed infatti si è visto sul campo. Quest’anno ho visto un gruppo davvero molto unito e non ho mai visto momenti di difficoltà di lunga durata. E’vero siamo arrivati un po’scarichi alla Coppa Italia però a questi ragazzi non si può rimproverare nulla. Credo che la mano di coach Vincenzo Esposito si è vista ed è stata una forza notevole, anche nelle sconfitte. Dobbiamo fare tesoro di tutto questo per utilizzarle poi in futuro». Sulla stagione 2019-20

«Bisogna risollevarsi da questo brutto momento, non sarà facile e ci sarà bisogno di tutti per ritrovare la giusta serenità. Dobbiamo capire come uscire da tutta questa situazione e farlo nel miglior modo. Per la prossima stagione sarebbe bello vedere lo scudetto d’Italia su tutte le maglie delle squadre del campionato» conclude così Santoro.

Commenta