Ettore Messina: Un bello spot per il campionato. I tre lunghi una bella idea dei miei assistenti

Ettore Messina: Un bello spot per il campionato. I tre lunghi una bella idea dei miei assistenti

Ettore Messina commenta il successo nel derby d’Italia della sua Olimpia Milano contro la Virtus Bologna

Ettore Messina commenta il successo nel derby d’Italia della sua Olimpia Milano contro la Virtus Bologna: «E’ stata una bella gara da vedere in televisione, e spero l’abbiano vista in tanti nonostante il giorno feriale. Un bello spot per il campionato. Non pensavo ci fosse tanta profondità: abbiamo spremuto i cinque che si sono allenati di più, più Hall. Abbiamo fatto un passo in avanti, muovendo bene la palla, trovando tanti buoni tiri. In difesa abbiamo tenuto con i tre lunghi. Abbiamo sofferto Belinelli, come ovvio, e nel finale dovevamo essere più attenti, non siamo neanche riusciti a fare fallo sull’ultimo possesso. Sono molto contento: vinta giocando bene e di grande cuore».

Su Jerian Grant: «Bellissima partita per lui. Sarebbe stata una beffa per lui se quei due errori dalla lunetta avessero pesato sul match. Sapeva di avere tantissimi minuti, che per un giocatore è molto importante, ma in squadre così devi per forza produrre in minutaggi più ridotti. E’ uno di noi, e ci darà una bella mano».

Sugli infortunati: «Siamo lontanissimi. Mitoglou ha tolto da poco le stampelle, e da poco sta caricando sul piede fratturato. Sta in piscina come Phelps. Shavon è alla terza settimana di tutore, e ne ha altre tre o quattro minimo. Siamo lontanissimi dal loro recupero. Gigi ha fatto una risonanza confortante, inizia un recupero attivo sul campo, ma ci vorranno almeno 10/15 giorni».

Sulla partita: «Loro hanno appoggiato molto bene su Belinelli nel quarto quarto. Noi eravamo il palese debito fisico, e abbiamo tirato malissimo dalla lunetta. Nel finale siamo tornati ai tre pivot, e dopo la bomba di Weems abbiamo avuto quattro-cinque possessi senza farli segnare. La differenza sta nell’attacco comunque rispetto all’ultimo mese. Più rotazione, meno palleggio, la direzione in cui dobbiamo andare».

Sul valore di questa partita: «Ho vinto, quindi è ovvio che sia contento, non poteva che valerne la pena. Devo dire che non pensavo un livello simile per questa gara. Viste le assenze e i pochi allenamenti. Ho ringraziato ai sei Juniores che hanno permesso una qualità di allenamento. E per fortuna, perchè andare in televisione è una pubblicità».

Su Trey Kell: «Domani si allena e venerdì giocherà. E giocherà anche domenica».

Sul gioco dei tre lunghi: «Una bella idea dei miei assistenti. Anche in vista dell’EuroLeague è una possibilità, con Pippo come con Nicolò, visto quanto è versatile. Ci permette di cambiare molto e limitare i p&r avversari».

Commenta