Ettore Messina: Passo indietro. Con l’Alba servirà qualità sui due lati del campo

Ettore Messina: Passo indietro. Con l’Alba servirà qualità sui due lati del campo

Comincia la fase discendente della regular season di EuroLeague

Comincia la fase discendente della regular season di EuroLeague. L’Olimpia resta in trasferta a va a Berlino completando una settimana “on the road”, ma senza pause successive perché questa è anche la prima settimana del 2023 con doppio impegno europeo (venerdì a Milano ci sarà lo Zalgiris Kaunas). Milano è 4-5 in trasferta e prova a riequilibrare il proprio record dopo la sconfitta di Atene. L’Alba, dopo dieci sconfitte consecutive, ha vinto le ultime due gare prima a Villeurbanne e poi contro Baskonia in casa. In altre parole, dopo un periodo di difficoltà, l’Alba si è risollevato e adesso è annunciata in eccellenti condizioni (ha vinto a Monaco nel week-end) con il suo roster profondo e un attacco che produce 81.4 punti di media spingendo sui ritmi e la transizione. L’Olimpia ha perso al Pireo, ma ha vinto tre delle ultime quattro. Nei tre doppi turni precedenti ha ottenuto tre vittorie e tre sconfitte, paradossalmente ha vinto due volte quando ha giocato solo fuori casa e perso due volte quando ha giocato solo in casa. Naturalmente, non ci saranno neanche a Berlino gli infortunati Shavon Shields, Kevin Pangos e Gigi Datome. La squadra da Napoli si è trasferita direttamente in Germania.

NOTE – Alba Berlino-EA7 Emporio Armani Milano si gioca martedì 10 gennaio alle 20:00 a Berlino, con diretta su Sky Sport e Eleven.

GLI ARBITRI – Tomislav Hordov (Croazia), Joseph Bissang (Francia), Saulius Racys (Svezia).

COACH ETTORE MESSINA – “L’Alba Berlino è una squadra in salute, come dimostrano gli ultimi risultati, che gioca bene, organizzata e profonda. Noi dopo tre vittorie consecutive e una serie di belle prove nella lega italiana, abbiamo fatto un passo indietro. Per provare a vincere a Berlino sarà essenziale esprimere una qualità di gioco sui due lati del campo superiore a quella delle ultime due partite, limitare le palle perse e mantenere il controllo dei rimbalzi”.

NICOLO’ MELLI – “Affrontiamo in trasferta una squadra che è tornata a brillare dopo un periodo difficile, organizzata, profonda e competitiva. Noi dopo tre vittorie in fila e la sconfitta di Atene abbiamo bisogno di giocare 40 minuti di grande attenzione e intensità sui due lati del campo. Mi aspetto una gara equilibrata in cui le piccole cose come sempre in Eurolega faranno la differenza”.

ALBA BERLINO – Sette giocatori hanno una media superiore ai 20 minuti di utilizzo per partita e la rotazione si estende spesso oltre i dieci giocatori. La caratteristica principale dell’Alba è questa: ha un “platoon system” collaudato in cui probabilmente l’unico giocatore imprescindibile è Luke Sikma, ala forte che è tra i primi dieci passatori di EuroLeague. Sikma, figlio della stella NBA degli anni ’80 Jack, segna 8.1 punti a partita con 5.7 rimbalzi e 5.6 assist. Il primo realizzatore è la guardia Jaleen Smith (12.8 punti per gara, 37.7% da tre) che ha giocato gli Europei con la Nazionale croata. I playmaker sono Maodo Lo (10.1 punti, 2.8 assist per gara), nazionale tedesco, e Tamir Blatt (9.0 punti e 5.0 assist di media), figlio di Coach David Blatt, nazionale israeliano. Oltre a Smith, nel ruolo di guardia sono utilizzati l’italiano Gabriele Procida (5.6 punti per partita) e Malte Delow (4.3 punti per gara). All’ala piccola sono impiegati l’israeliano Yavel Zoosman (6.6 punti per gara, 58.8% da due), Louis Olinde (8.8 punti, 4.4 rimbalzi di media, 50.0% nel tiro da tre) e il tiratore Tim Schneider (66.7% da tre). Tra le ali forti, oltre a Sikma, ci sono Yanni Wetzell (5.4 punti, 3.0 rimbalzi per partita) e Ben Lammers (5.9 punti di media, 40.0% da tre) che è un eccellente tiratore e può giocatore anche da centro. Da numero 5 il più impiegato è il nazionale Johannes Thiemann (9.3 punti, 4.6 rimbalzi di media, 60.0% da due), ma normalmente in quintetto parte il 2.25 Christ Koumadjie che èroduce 6.9 punti e 4.3 rimbalzi in meno di 15 minuti di utilizzo e ha il 72.1% dal campo.

I PRECEDENTI VS. ALBA BERLINO – Nella versione odierna di EuroLeague, l’Olimpia ha incontrato l’Alba sette volte con un bilancio di 4-3 che diventa 5-4 se includiamo l’Eurocup 2015/16. Lo scorso anno le due squadre hanno vinto una volta per parte, mentre nella gara di andata l’Alba ha vinto a Milano dopo un tempo supplementare. Ma la storia del confronto affonda le radici anche nel secolo scorso: nel 1995 Olimpia e Alba si affrontarono nella finale di Coppa Korac. Berlino per la prima volta vinse un titolo internazionale vincendo a casa sua 95-87 e pareggiando a Milano 87-87. Le due squadre si affrontarono anche nell’edizione della vecchia EuroLeague del 1996/97: l’Alba vinse a Milano 91-80, l’Olimpia si rifece nel ritorno espugnando Berlino 78-68. Se consideriamo quindi tutte le gare giocate tra le due squadre il bilancio diventa di 6-6-1 è il bilancio di tutti i tempi.

ALBA CONNECTION – Maodo Lo ha giocato al Bamberg insieme a Nicolò Melli e insieme hanno vinto il titolo tedesco. Deshaun Thomas al Maccabi ha giocato assieme a Yavel Zoosman. Gabriele Procida, al primo anno a Berlino, lo scorso anno era alla Fortitudo Bologna insieme a Tommaso Baldasso.

GAME NOTES – Brandon Davies nelle ultime quattro gare ha distribuito 20 assist complessivi, 5.0 di media. Nicolò Melli è partito in quintetto in tutte le 17 partite dell’Olimpia (sono 12 in totale i giocatori sempre partiti in quintetto) e in tutte le ultime 49 gare di Milano in cui è stato presente. Melli con 1271 rimbalzi in carriera è adesso 11° di sempre: l’ingresso nella Top 10 è distante 16 rimbalzi (Mirsad Turkcan con 1.287). Si trova anche a 16 punti di distanza dagli 800 segnati con la maglia dell’Olimpia. Billy Baron ha segnato 17.2 punti per gara nelle sei vittorie dell’Olimpia. Kyle Hines è a tre stoppate di distanza dalle 300 in carriera. Da quando è a Milano in EuroLeague ha giocato 93 gare su 93.

Commenta