Corriere di Bologna: l’esonero di Djordjevic deciso direttamente dal patron Massimo Zanetti?

Foto Ciamillo
Foto Ciamillo

Il dettagliato articolo de Il Corriere di Bologna: Viene da pensare che l’intervento possa essere stato direttamente del proprietario, una scelta tranchant su cui nemmeno il management ha potuto opporsi, per quanto controvoglia

Secondo Il Corriere di Bologna, che ha provato a ricostruire l’esonero clamoroso di coach Aleksandar Djordjevic da parte della Virtus Bologna, la decisione potrebbe essere stata presa direttamente dal patron Massimo Zanetti.

Questo scrive il giornale bolognese, Viene da pensare che l’intervento possa essere stato direttamente del proprietario, una scelta tranchant su cui nemmeno il management ha potuto opporsi, per quanto controvoglia. Spiegherebbe anche la rabbiosa reazione di Markovic su Instagram, altro pezzo che salta in un clima che da propositivo diventa distruttivo. Se quindi è stato Zanetti a cacciare Djordjevic, forse perché insoddisfatto delle difficoltà della squadra, probabilmente anche perché immagina una Virtus più sobria in campo (le espulsioni sono state tante in soli tre mesi), di sicuro piccato e deluso per il mancato esordio di Belinelli, è comprensibile la titubanza di Baraldi e Ronci costretti in tutta fretta a contattare nuovi allenatori.

Che aggiunge, Se poi quella telefonata tra Djordjevic e Zanetti ci fosse davvero stata, sarebbe a mia memoria il primo vero intervento diretto della proprietà nella vita della squadra. Una posizione non tecnica, ma d’immagine. “Io organizzo questo can can, tu Belinelli non lo fai giocare, ti fai espellere e perdiamo?” potrebbe essere stato il pensiero del patron. Cui il coach, inevitabilmente poco sereno, può aver opposto una grande verità: il parere dello staff medico. Perché quello, confermatoci in tempi non sospetti lunedì mattina, lontano quindi dal caos della sera, ci sentiamo di vendervelo come un fatto. Allora chi vince: l’enfasi mediatica del grande evento, come hanno sostenuto anche qualificati colleghi su alcuni giornali, o lo stop del dottore che ammonisce su possibili seri infortuni muscolari? Andava mandato in campo almeno per una passerella Beli? Avrebbe avuto senso? Bisognava “allenarlo poco” durante la settimana, per evitare di esporlo ad affaticamenti muscolari prima del debutto? Ma soprattutto: è possibile che Zanetti arrivato al palasport non sapesse dell’infortunio di Belinelli, accaduto al più tardi sabato sera cioè quasi 24 ore prima della partita con Sassari?

QUI PER LEGGERE IL DETTAGLIATO ARTICOLO DE IL CORRIERE DI BOLOGNA

Commenta