Cerella: “Mi riempie di gioia essere tornato a dare il mio contributo a questa squadra”

Cerella: “Mi riempie di gioia essere tornato a dare il mio contributo a questa squadra”

Bruno Cerella, dopo un lungo stop, è tornato a dare il suo contributo a Venezia. Con Cremona ottimo il suo impatto nella sfida

Abbiamo intervistato tramite videoconferenza l’esterno dell’Umana Reyer Venezia Bruno Cerella. L’italo-argentino, dopo una lunga assenza legata al Covid-19 e alla frattura di un piede, ha recuperato la condizione fisica e domenica con la Vanoli Cremona ha dato un importante contributo al successo oro-granata.

Ecco le sue dichiarazioni:

“L’aspetto più importante è che stiamo dando continuità ai risultati. Per un periodo abbiamo fatto fatica, soprattutto nel mese di dicembre, per i problemi legati al Covid-19 e agli infortuni. Una volta recuperati la maggior parte dei giocatori e allenandoci per tutta la settimana insieme siamo cresciuti fisicamente e mentalmente. A mio parere la squadra sta lavorando bene e questo si è visto in campo e dai risultati; anche con Cremona, nei momenti più difficili e decisivi, siamo stati concreti. Devo dire che la Vanoli ha fatto un’ottima gara”.

La lunga assenza dai campi.

“È stato davvero un periodo molto difficile per me, considerando che ho avuto il Covid e anche una frattura al piede: questo mi è veramente pesato più che altro mentalmente. Io faccio parte di questa squadra, mi mancava il fatto di non poter giocare, gli allenamenti, i compagni; quando non stai bene fisicamente ti cominciano a pesare le giornate. Adesso vedo un po’ di luce, non sono ovviamente al 100%, ma riesco a gestire abbastanza bene i miei dolori al piede e soprattutto, una cosa che mi dà grande soddisfazione, è essere entrato in campo ed aver dato il mio contributo per la squadra: tutto ciò mi riempie di gioia in un momento così difficile e lungo”.

Sulla Reyer  

“È una squadra che ha vinto tanto e tutti gli avversari che incontriamo devono giocare al massimo delle loro possibilità sapendo che affrontano uno sfidante con una mentalità vincente non solo per i trofei vinti, ma per il modo di pensare. Questo fa si che tutte le partite diventano difficili, dobbiamo continuare a lavorare con questa solidità mentale per tutti i 40 minuti del match: ciò per non rischiare di finire le partite punto a punto, ma con degli scarti più importanti”.

Il prossimo avversario, la VL Pesaro.

“Per noi è una partita molto importante per continuare a mantenerci ai vertici della classifica e continuare la nostra crescita. In questo periodo dobbiamo pensare più a noi che agli avversari concentrandoci su quelli che sono gli equilibri della nostra squadra. Però sappiamo che incontreremo la rivelazione del campionato, una squadra che ci ha messo in difficoltà al Taliercio. Dobbiamo andare lì consapevoli che non sarà facile; sarà fondamentale l’impatto difensivo cercando di limitare il più possibile il loro ottimo potenziale offensivo, per poi fare il nostro gioco”.

 

Commenta