CBA, allenamenti virtuali condivisi per continuare a crescere insieme

CBA, allenamenti virtuali condivisi per continuare a crescere insieme

Ruth Vanoli, presidente della Vanoli Young: Non potendosi più incontrare sui campi da gioco, pensiamo sia importante per i ragazzi continuare ad incontrarsi almeno virtualmente

Lo sport in generale, ma soprattutto quello giovanile, sta purtroppo attraversando un periodo di grande difficoltà. L’emergenza sanitaria ci ha costretti, ancora una volta, a rinunciare agli allenamenti in presenza. Ma non a fermarci. La nostra voglia di continuare a migliorarci non cambia, cambia solo il modus operandi.

Come già avvenuto in primavera, le sedute di lavoro si sono spostate dal campo al web. I preparatori fisici del settore giovanile e della prima squadra, Filippo Cocchi e Benedetta Racchetti, insieme agli allenatori, organizzano in tal senso ogni settimana un piano di lavoro differenziato per tutti i gruppi della Vanoli Young, dall’U14 all’U18, che possono in questo modo continuare ad allenarsi da casa.

L’importante novità è l’apertura di questi allenamenti digital non solo alla Cremona Basketball Academy ma a qualsiasi società di basket interessata. “Ci è sembrato giusto voler condividere questo metodo di lavoro con le altre realtà del territorio che abbiano piacere a far partecipare i propri i tesserati” ha spiegato Ruth Vanoli, presidente della Vanoli Young. “Non potendosi più incontrare sui campi da gioco, pensiamo sia importante per i ragazzi continuare ad incontrarsi almeno virtualmente per praticare insieme il loro sport preferito… non da avversari, ma da compagni di un’unica grande squadra“.

Una squadra che conta già 500 ragazzi del territorio. “Ma i nostri allenamenti condivisi non hanno confini e ci auguriamo possano arrivare a coinvolgere ancora più società, anche a livello nazionale. Sicuramente un progetto ambizioso ma in cui crediamo molto. Vogliamo condividere gli strumenti che abbiamo per aiutarci, fare quadrato e sentirci parte di una comunità sportiva, con l’obiettivo unico di permettere al movimento di continuare a crescere nonostante le difficoltà del periodo storico“.

Commenta