Carraretto: Mai avuto un inizio di stagione così sfigato. Per il derby dovrebbe recuperare Mancio

Foto Ciamillo
Foto Ciamillo

Le parole del GM della Fortitudo Bologna: Ora non è semplice giocare, tante partite non vengono giocate, anche nel nostro mondo il virus circola e ci sono pericoli.

Marco Carraretto, GM della Fortitudo Bologna, è intervenuto alla trasmissione Scusate l’Interruzione su Radio International.

Ecco un estratto delle sue parole (da Bolognabasket).

Intanto, la situazione infortuni. “Ad oggi abbastanza complessa. Aradori, Fantinelli e Happ ancora non si sono allenati e difficilmente saranno disponibili per il derby. Mancinelli ha fatto il primo allenamento solo ieri, quindi solo lui ci potrebbe essere”

Hai mai avuto un inizio stagione così sfigato? “A ricordo no. E’ stata una serie di coincidenze che ci ha fortemente penalizzato: gli infortuni fanno parte del gioco, ma sono stati tutti lunghi, relativamente gravi, e che hanno portato tre quinti degli starters fuori per lungo tempo”

Non era meglio spendere un po’ di più in estate, piuttosto che commettere errori? “Col senno di poi sono bravi tutti. Nelle difficoltà si vede tutto peggio, ma sono convinto che con la squadra al completo, con un processo di maturazione regolare, le cose sarebbero andate diversamente. Avevamo fatto scommesse, giocatori all’esordio in Europa e bisognosi di tempo: hanno voglia di fare bene ma devono maturare”

E’ da escludere investire due soldi su un lungo verticale? “Noi siamo sempre attivi sul mercato. Poi questo è un anno particolare, senza le entrate del pubblico, non è che la società abbia un lavoro semplice da fare. Se ci saranno disponibilità e necessità vedremo di andare sul mercato, ma risottolineo il fatto che abbiamo fuori da 20 giorni il centro titolare”

Ci sono varie voci su cambi di format. Possibile che in agosto non si fosse già pensato a problemi che potevano apparire? “Non so come andrà a finire. L’anno scorso nessuno voleva giocare, ora nessuno vuole fermarsi. E’ una situazione molto critica, è difficile iniziare il campionato e poi cambiare le regole in corso d’opera. E’ stata sottovalutata la possibilità che il Covid tornasse in modo così violento: ora non è semplice giocare, tante partite non vengono giocate, anche nel nostro mondo il virus circola e ci sono pericoli. Noi cerchiamo di rispettare le regole e i contratti, ma finora non è stato un campionato al 100% regolare, perchè le defezioni compromettono i risultati”

Bloccheresti le retrocessioni? “L’anno scorso lo hanno fatto in un campionato giocato per 20 giornate. Non c’è regolarità nei risultati, ci sono state assenze per Covid e anche le avversarie di chi non poteva giocare è stato costretto a fermarsi. Tutte cose che penalizzano la regolarità del campionato”

Commenta