Cantù, presentata la nuova partnership con Cinelandia Park

Cantù, presentata la nuova partnership con Cinelandia Park

Lo sponsor ha avuto un ruolo importante nell'ingaggio di Frank Gaines

In concomitanza della conferenza stampa di coach Bucchi in previsione della gara di domani tra Acqua S.Bernardo Cantù e Germani Brescia, si è tenuta anche la presentazione di un nuovo brand, Cinelandia Park, che già negli scorsi mesi aveva avuto il ruolo principale nell’ingaggio di Frank Gaines.

A fare gli onori di casa l’Amministratore Delegato di Pallacanestro Cantù, Andrea Mauri: «Presentiamo oggi una nuova partnership per noi molto importante. Cinelandia Park non è solo un brand della famiglia Cinelandia, ma un progetto innovativo che è diventato realtà. Per quanto riguarda il fronte societario, come sapete, stiamo cercando in ogni modo di conseguire la salvezza sul campo. Allo stesso tempo stiamo lavorando guardando alle prossime stagioni e al futuro del club. Purtroppo, siamo sul fondo della classifica, ma, come abbiamo detto più volte, il nostro progetto va ben oltre il risultato sportivo. Dobbiamo, dunque, avere il coraggio e la tenacia di continuare sulla nostra strada, sicuri che porterà i suoi frutti, anche se si basa su un progetto pluriennale. Dobbiamo dunque sicuramente continuare a combattere, cercando di rimanere in Serie A, ma, al contempo, dobbiamo proseguire il nostro percorso di sviluppo societario».

«Oggi non presentiamo solo un nuovo brand, ma un’idea di parchi divertimento che Paolo ha sviluppato e che si lega con il progetto del palazzetto, visto che la collaborazione intrapresa è pluriennale. Voglio ringraziare Paolo perché, grazie alla sua esperienza di successo nel campo dell’entertainment, ci ha dato tanti suggerimenti, fornendo un prezioso contributo sulla parte più ludica del palasport. Speriamo, quindi, in futuro, di accogliere le sue nuove attrazioni all’interno dell’arena di modo che i nostri tifosi non solo possano vedere la partita, ma abbiano la possibilità di avere a disposizione dei parchi divertimento innovativi».

«In questo momento dove l’industria e l’attività è limitata dal Covid, ciò che ci ha unito ancor di più è stato l’ingente investimento che entrambe le nostre realtà hanno deciso di affrontare per farsi poi trovare pronte alla ripartenza. Questo è certamente un fattore comune che lega questa avventura e questo progetto di lunga durata».

Quindi la parola è passata a Paolo Petazzi, amministratore unico di Cinelandia, di cui fa parte Cinelandia Park: «Fare l’imprenditore senza eventi, in questo momento, non è sicuramente facile: sia per chi fa attività di sport sia per chi opera nell’entertainment. Noi però non ci siamo fermati e abbiamo ideato un parco che abbina cinema e intrattenimento. A Gallarate abbiamo già realizzato il primo Cinelandia Park, ad Arosio, invece, sono appena iniziati i lavori. Tuttavia, contiamo di concludere nel breve termine anche questo intervento per aprire entrambi gli stabili a settembre».

«Ogni parco avrà la parte dedicata ai bambini, con un ristorante a tema e cinque sale cinema. Tutto questo aiuta a uscire dai pensieri negativi in questi tempi di Covid. La chicca è che la realtà virtuale verrà inserita in un contesto particolare con una fontana scenica, “danzante”. Inoltre, sarà presente una rete sospesa lungo tutta la sala. In futuro abbiamo anche un progetto che prevede dei trampolini e una serie di cose da sviluppare. Non voglio, però, svelare troppo, qualcosa mi piacerebbe lasciarlo come sorpresa».

Commenta