Bucchi: Ultimi mesi a Roma terribili. Cantù? Le tre regole sono resettare, riordinare e ripartire

Foto Ciamillo
Foto Ciamillo

Le parole del coach della Pallacanestro Cantù: Obiettivo? Non faccio melina: la salvezza. Le cose ora stanno andando abbastanza bene.

Piero Bucchi allena da più settimane la Pallacanestro Cantù che ha preso in mano dopo l’esonero di coach Cesare Pancotto.

Il coach ha iniziato però la stagione alla guida della Virtus Roma che ha però abbandonato il campionato.

Bucchi ne ha parlato con Fabrizio Fabbri de Il Corriere dello Sport.

Nuova faccia a Cantù.

Le tre regole che mi sono dato e ho cercato di imporre alla squadra dal primo allenamento dopo la firma sono state: resettare, riordinare e ripartire. Stiamo lavorando tanto su difesa e intensità. Se si difende forte, se mettiamo pressione sugli avversari rompendo il loro modo di giocare inevitabilmente anche in attacco le cose vengano meglio.

Virtus Roma.

Ho passato, nelle mie due esperienze capitoline, giorni bellissimi. Però gli ultimi mesi sono stati. terribili per l’incertezza che regnava sovrana. La fine della Virtus resta un dolore fortissimo.

Obiettivo di Cantù.

Non faccio melina: la salvezza. Le cose ora stanno andando abbastanza bene.

Ruolo in Nazionale.

Devo ringraziare Sacchetti e il presidente Petrucci per la fiducia. Vivo di basket e nel mio immaginario, come di tutti, coloro che amano questo sport, l’azzurro è un colore che accende emozioni.”

Commenta