Brindisi annuncia D’Angelo Harrison

Brindisi annuncia D’Angelo Harrison

Harrison firma alla corte di Vitucci

Happy Casa Brindisi annuncia con soddisfazione di aver acquisito le prestazioni della guardia statunitense D’Angelo Harrison per la prossima stagione sportiva 2020/21.


Harrison è reduce dall’ultima annata da leader al Maccabi Rishon LeZion, squadra rivelazione della Winner League arrivata a un passo dal successo finale. D’Angelo ha trascinato i compagni alla finalissima del 28 luglio persa nei secondi finali con il Maccabi Tel Aviv, autore di una prestazione superlativa da 38 punti (12/19 dal campo e 5/8 da tre punti), 6 rimbalzi e 5 assist.
Dalla ripresa del campionato, si è rivelato il miglior realizzatore dei Playoff Basketball Super League a 24.8 punti di media, miglior giocatore per media di valutazione (31.0), secondo per quoziente più efficiente tra punti e minuti giocati (0.69), terzo per plus/minus (41+) e palle recuperate (2.3 a partita) e quarto per rimbalzi catturati (7.8).

Guardia di 193cm per 92kg, nato il 14/08/1993 a Missouri City, in Texas, si è formato alla Dulles High School scegliendo il college di St. John’s per proseguire gli studi. Ai Red Storm ha impresso il proprio nome nella storia del college: quarto miglior realizzatore di sempre nella Big East a 17.5 punti a partita, terzo miglior marcatore della St.Johns, record di tiratore più prolifico da tre punti e primo giocatore dal 2002 (fu Marcus Hatten, ex conoscenza del basket brindisino) a vincere l’Haggerty Award nel 2014 come giocatore collegiale dell’anno dell’area metropolitana di New York City.

Durante i quattro anni a St.John’s ha conseguito una nomina nel quintetto rookie dell’anno nel 2012 e per due volte è stato inserito nel primo quintetto All-Big East nel 2014 e 2015.

Alla conclusione del suo percorso universitario inizia l’esperienza nella pallacanestro europea in Turchia, Israele, Russia, Francia, e ora Italia con la Happy Casa Brindisi.
Dal 2015 al 2017 veste la canotta dell’Usak Sportif, con cui disputa la Europe Cup, terminando in doppia cifra a referto 31 volte su un totale di 48 partite con il 38% da tre. Al primo approdo in Israele, all’Hapoel Gilboa Galil, registra una media di 16.2 punti a partita con 4.3 rimbalzi e 2.8 assist a partita, realizzando 20 o/+ punti in ben 7 occasion
i e 30 o/+ punti per 3 volte.

La stagione successiva, all’Enisey Krasnoyarsk, conferma le medie realizzative, aumentando la percentuale in VTB League al tiro dalla lunetta (85%), al tiro da due (44%) catturando 6.4 rimbalzi, smazzando 3 assist e recuperando 1.2 palloni a partita.

La scorsa estate firma in Francia a Le Portel, partendo in starting five con il neo biancoazzurro Ousman Krubally. In 23 partite in Jeep Elite sfiora i 16 punti a match con 4.7 rimbalzi e 3 assist, prima di ritornare a febbraio in Israele al Maccabi Rishon.

Siamo certi che Harrison potrà aggiungere al nostro roster – afferma il Direttore Sportivo Simone Giofrè – le sue indubbie doti tecniche e la sua carica agonistica. Già nelle sue recenti esperienze europee ha dato prova di essere un giocatore molto intrigante e capace di portare sempre un contributo molto importante. Ci auguriamo e gli auguriamo di continuare a farlo con la nostra maglia.

 

Fonte: Ufficio stampa New Basket Brindisi.

Commenta